La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 15, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia anglosassone | Totali visite: 794 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Enueg 1

Exco in uno spasmo
stanco del rosso sputo della mia cara
dalla Clinica Privata Portobello
i suoi segreti
e mi trascino verso la cresta dell'onda del ponte erto pericoloso
e scivolo svogliato sotto l'urlo della staccionata
intorno alla dura vistosa vistosa della staccionata
in un ovest nero
soffocato di nuvole.

Sulle dimore gli alberi di algummim
le montagne
il mio cranio uggiosamente coagolo di collera
schidionato in alto strozzato nella gogna del vento
morde come un cane ribelle al castigo.

Adesso rotolo via rapidamente sui miei piedi rovinati
al livello del canale livido;
a Ponte Parnell una chiatta morente
col suo carico di chiodi e di legno
dondola dolcemente nel chiostro spumoso dello sbarramento;
sull'altra sponda una squadra di poveracci sembra che stia aggiustando una trave.

Poi per miglia e miglia soltanto vento
e le scie che strisciano appresso sull'acqua
e il mondo che si apre verso il sud
attraverso una finta campagna verso le montagne
e la sera nata morta che volge al verdesporco
concimando il fungo della notte
e la mente annullata
nufraga nel vento.

Guazzai accanto a un vecchietto dall'aria stanca,
Democrito,
che camminava in fretta tra una stampella e un bastone,
col moncone raccolto orribilmente, come un artiglio, sotto il calzone,
fumando.
Poi siccome un prato a sinistra scoppi in una fiammata improvvisa
di grida e fischi urgenti e magliette scarlatte e azzurre
mi fermai e mi arrampicai sulla scarpata per vedere la partita.
Un bambino irrequieto accanto al cancello mi grid:
Possiamo entrare capo? Certo, - dissi, - puoi .
Ma intimorito si allontan per la strada.
Allora, - gli gridai, - perch non entri?
Oh, - disse, consapevole, -
ci sono gi stato e mi hanno messo alla porta .
Cos via,
derelitto,
come da un cespuglio incendiato sulla montagna di notte,
o, a Sumatra, l'imene della giungla,
la sempre odorosa rafflesia.
Poi:
una lamentevole famiglia di galline grige tignose,
morenti sul prato avvallato,
tremanti, mezzo addormentate, contro la porta chiusa di una baracca,
senza potersi appollaiare.
Il grosso fungo morbido,
verde-nero,
colando su dietro di me,
inzuppando il cielo cencioso come un inchiostro di peste,
nel mio cranio il vento che imputridiva,
l'acqua...
Poi-
sul colle che scende dalla Volpe e le Oche verso Chapelizod
un capretto malevolo, esiliato sulla strada,
che remotamente investiva il cancello del suo recinto;
i Magazzini Isotta una grande perturbazione di eroi sudati,
coi vestiti della domenica,
scesi in fretta per una pinta di nepente o di erba moli o met-e-met
dopo aver guardato i lanciatori su a Kilmainham.
Chiazze di giallo dannato nel pozzo della Liffey;
le dita delle scalette agganciate al parapetto,
invitanti;
un flotto di gabbiani vigili nel vomito grigio della fogna.

Ah la bandiera
la bandiera della carne sanguinante
sulla seta dei mari e i fiori artici
che non esistono.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia anglosassone più letti

» Richard Feynman UN ATOMO NELLUNIVERSO
» Oscar Wilde E PIENO INVERNO
» Emily Dickinson MI AVVIAI DI BUON ORA...
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» Samuel Beckett CASCANDO
Gli ultimi Poesia anglosassone pubblicati

» Henry Scott Holland La Morte non e niente
» Emily Dickinson MONTAGNE CARE
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» John Milton IL PARADISO PERDUTO
» Emily Dickinson L' Amore
» Emily Dickinson SONO CONSAPEVOLE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Gustose Sibille, involte in lenzuoli le carni scoperte per lieti imbarazzi pagai settecento denari sonanti pagai per i vostri lubrici intrallazzi.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9951065
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.