La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 15, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia anglosassone | Totali visite: 737 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Serena I

uscendo dal vecchio grandioso Museo Britannico
Talete e l'Aretino
in grembo al Regent's Park il flogo
crepita sotto il tuono
bellezza scarlatta in questo mondo pesce morto alla deriva
tutte le cose piene di di
spremuti e sanguinanti
un uccello tessitore mandarino l'arpia ormai spacciata
anche il condor col suo boa spellacciato
guardano fisso attraverso il colle delle scimmie gli elefanti
l'Irlanda
la luce cala lungo il loro vecchio canyon familiare
mi succhia via verso quella vecchia certezza
il c.lo ardente di Giorgio il trapano
ah di l una vipera
addenta il suo topo
bianco come neve
nel suo abbagliante forno flusso di peristalsi
limac labor

ah padre padre che sei in cielo

mi trovo a confondere il Crystal Palace
con le Isole Beate da Primrose Hill
ahim debbo essere quel genere di persona
andiamo a Ken Wood chi mi trover
l'alito trattenuto in mezzo ai cespugli
nessuno fuorch i pi rintanati amanti

mi sorprendo commosso dai molti fumaioli piegati
in omaggio al ponte della Torre
riverenza del serpente che esce dalla City o rientra
finch nell'imbrunire una chiatta
cieca di orgoglio
scosta via la sciarpa delle basculle
poi nella grigia stiva dell'ambulanza
pulsando sull'orlo marca di sospiri
poi gi mi immergo tra la canaglia
fnch un tizio dannati i suoi occhi cerchiati
mi chiede se ho finito col giornale
zoppico via infuriatissimo sotto le Stanze degli Sposati
Torre boia
e via via lontano in gran fretta verso il gigante spaccone di Wren
e maledico la giornata ingabbiato ansimante sulla banchina
sotto la caldaia lucida
non sono nato Defoe

a Ken Wood per
chi mi trover

mio fratello la mosca
la mosca domestica
trascinandosi dal buio alla luce
si aggrappa al suo posto sotto il sole
si arrota le sei zampe
si compiace dei suoi piani dei suoi bilichi
l'autunno della sua vita
non poteva servire al tifo e a Mammona


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia anglosassone più letti

» Richard Feynman UN ATOMO NELLUNIVERSO
» Oscar Wilde E PIENO INVERNO
» Emily Dickinson MI AVVIAI DI BUON ORA...
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» Samuel Beckett CASCANDO
Gli ultimi Poesia anglosassone pubblicati

» Henry Scott Holland La Morte non e niente
» Emily Dickinson MONTAGNE CARE
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» John Milton IL PARADISO PERDUTO
» Emily Dickinson L' Amore
» Emily Dickinson SONO CONSAPEVOLE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Poeta sostenitore di una poesia virile e patriottica, trov la sua espressione ideale nella descrizione del paesaggio e nel canto del sentimento amoroso.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9980969
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.