La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 15, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia anglosassone | Totali visite: 888 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Serena II

questa terra clonica

su e gi offuscata dal sonno
grassa mezzo morta il resto gira a vuoto
squarcia la peluria nera il cuoio
guado cenerognolo
grugnisci urla nel bosco sveglia tutti gli uccelli
bracca le puttane dai felci
questo imbecille crepuscolo che batte il sottobosco
belando perch lo dissanguino
questo silenzio crapulento
strappagli il cuore

nei suoi sogni trema ancora
ricorda i vecchi giorni bui ansimante
nelle grinfie dei Pins nell'ansiet della sua ora
la vecchia befana si contorce crede di morire
la luce manca tempo di sdraiarsi
baia di Clew vasca eli fiori xantici
Croagh Patrick si ridusse ind per far dispetto a un pellegrino
pronta si sdraiata su tutte le isole di gloria
e ora sforza questa sera sabbatica di ghirlande
con un oh-issa-oh di cigni fisicamente validi
dalla terra dannata le loro scogliere di trecce
in un pantano lascia cadere i suoi piccoli
le balene della baia della Torba Nera ballano
gli asfodeli arrivano di corsa gli iridi dietro
crede di star morendo si vergogna

mi port su fino a uno spartiacque
da dove come le rubriche di un'infanzia
guarda Meath che brilla attraverso una fessura dei monti
brigate di larici non si pu pi tornare
uno sbandamento di sentieri e torrenti che scappano verso il mare
Kindergarten di guglie e poi il porto
come una donna che tenta di coprirsi il seno
e mi lasci

qualunque sia il credito di panico con cui uscimmo
con lo stesso credito ritorneremo
non ci sar spreco di panico tra l'uomo e il suo cane
per cagna che egli sia

pacchetto bagnato di Churchman
museruola del tumulo
peggio del sogno
la cagna chiassosa della luce non facile
questa terra clonica
tutti questi fantasmi rabbrividendo sfuocati
inutile chiudere gli occhi
tutte le corde della terra rotte come accordi di pianista
i rospi di nuovo in giro nei soliti posti
strisciando verso i loro agguati
le favole di Meath finite
dunque dite le vostre preghiere e a letto
le preghiere prima che le lampade comincino a cantare dietro i larici
qui presso questi ginocchi di pietra
quindi ciao-ciao sugli ossi


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia anglosassone più letti

» Richard Feynman UN ATOMO NELLUNIVERSO
» Oscar Wilde E PIENO INVERNO
» Emily Dickinson MI AVVIAI DI BUON ORA...
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» Samuel Beckett CASCANDO
Gli ultimi Poesia anglosassone pubblicati

» Henry Scott Holland La Morte non e niente
» Emily Dickinson MONTAGNE CARE
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» John Milton IL PARADISO PERDUTO
» Emily Dickinson L' Amore
» Emily Dickinson SONO CONSAPEVOLE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Empatia e condivisione!

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9945869
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.