La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 07, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia anglosassone | Totali visite: 1062 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Sweeney agonista
Frammenti di un melodramma aristofanesco

Oreste:     Voi non le vedete, voi no - ma io le vedo: mi incalzano, devo fuggire.
Le Coefore

Per cui l'anima non pu essere posseduta dall'unione divina, finch non si sia dispogliata dell'amore delle cose create.

San Giovanni della Croce


Sweeney agonista
Frammento di un prologo

DUSTY. DORIS.

DUSTY:      Come va con Pereira?
DORIS:     
Che, Pereira?
Me ne frego.
DUSTY:     
Te ne freghi!
Chi paga l'affitto?
DORIS:     
S lui paga l'affitto
DUSTY:      Beh, Certi uomini no e certi s
Certi uomini no e tu sai chi
DORIS:      Puoi tenerti Pereira
DUSTY:     
Che, Pereira?
DORIS:      Non un gentiluomo Pereira:
Non puoi fidarti di lui!
DUSTY:     
Beh, certo, questo ver

Se non ti puoi fidar di lui
Un gentiluomo non sar davver
E se di lui non ti puoi mai fidare
Non saprai mai che cosa intenda fare.
DORIS:      No non sarebbe il caso d'esser troppo gentili con Pereira
DUSTY:     Invece Sam in tutto un gentiluomo.
DORIS:      Mi piace Sam
DUSTY:     
A me piace Sam
S e Sam davvero un ragazzo gentile.
Un amico spassoso
DORIS:     
Lui s che un amico spassoso
E' come uno che una volta conoscevo.
T'avrebbe fatto ridere.
DUSTY:     
Anche Sam pu farti ridere:
Sam in gamba
DORIS:     
Ma Pereira non va affatto.
Non possiamo tenerci Pereira
DUSTY:     
Va' be', cosa pensi di fare?
TELEFONO:      Drin dring dring
Drin dring dring
DUSTY:     
Questo Pereira
DORIS:     S questo Pereira
DUSTY:     
Allora che pensi di fare?
TELEFONO:      Drin dring dring
Drin dring dring
DUSTY:     
Questo Pereira
DORIS:     Non lo puoi far smettere quell'orrendo rumore
Alza il ricevitore
DUSTY:     
Che mai gli dir?
DORIS:     Digli quel che ti pare: che sono ammalata,
Che mi son rotta una gamba in una scivolata
Digli che abbiamo avuto un incendio
DUSTY:     
Pronto, Pronto chi parla?
S questa la casa di Miss Dorrance -
Oh lei Signor Pereira? Come va?
Oh son cos spiacente. Sono cos avvilita
Ma Doris tornata
Con un tremendo raffreddore a casa
No, proprio un raffreddore
Oh io credo soltanto un raffreddore
S anch'io spero cos -
Beh, io spero di no, che non dovremo chiamare un dottore
Doris non pu sopportare che si chiamino dottori
Dice di ritelefonare luned
Spera che star bene luned
Dico: permette, posso riattaccare?
E' con i piedi dentro un senapismo
Dicevo, sta facendo un senapismo
Bene, rtelefoni ancora luned.
S che glielo dir! Arrivederci. Arrivedecerci.
Sono sicura, da parte sua veramente gentile.
Ah-h-h
DORIS:      Ora faccio le carte per stasera.
Oh indovina un po' chi il primo a venir fuori
DUSTY:     
Il primo. Chi ?
DORIS:      Il Re di Fiori
DUSTY:     
E' Perera
DORIS:     Potrebbe essere Sweeney
DUSTY:     
E' Pereira
DORIS:     Potrebbe proprio essere anche Sweeney
DUSTY:     Bene comunque la cosa molto strana
DORIS:      Ecco il quattro di quadri, che vuol dire?
DUSTY:     (leggendo): "Una piccola somma di denaro, o un regalo
D'oggetti di vestiario, o una festa."
Mi sembra strana anche questa.
DORIS:     Ecco il tre. Che significa il tre?
DUSTY:      "Notizie da un amico che non c'." - Pereira!
DORIS:      La Regina di Cuori! La Signora Porter!
DUSTY:     
0 potresti esser tu
DORIS:     
0 potresti esser tu
Noi siamo tutte cuori. Non puoi esser sicura.
Dipende tutto dalla carta futura. BR> Ma quando leggi le carte devi ben pensare,
Questa non una cosa che tutti possan fare
DUSTY:      Lo so che con le carte hai un tocco personale
Chi vien dopo di lei?
DORIS:      Chi viene dopo. e' il sei.
DUSTY:      "Un litigio. Un allontanamento. Separazione d'amici."
DORIS:     Ed ecco il due di picche.
DUSTY:     
Il due di picche!
MA QUELLA E LA BARA!
DORIS:     
QUELLA E LA BARA?
Santo cielo che far?
E prima d'una festa!
DUSTY:     Beh, non VUOI dire che questa
Sia proprio la tua, pu esser d'una amica.
DORIS:     No mia. Sono sicura che mia.
S la mia. Lo so che la mia.
L'altra notte ho sognato matrimoni.
Oh santo cielo che mai far.
No io le carte pi non alzer.
Alza le carte tu per la fortuna. Taglia il mazzo.
Potrebbe romper l'incanto. Alza le carte tu per la fortuna.
DUSTY:      Il Fante di Picche.
DORIS:     
Sar Snow
DUSTY:      Potrebbe essere Swarts
DORIS:     
Potrebbe essere Snow
DUSTY:      E' proprio strano vedere quante figure riesco a tirar fuori.
DORIS:     Devono avere un gran significato dal modo che le pesch -
DUSTY:     Devono averne un mucchio dal modo come senti
DORIS:     Certe volte non dicon proprio niente
DUSTY:     Devi saperlo bene cosa vuoi chieder loro
DORIS:      Devi sapere bene cosa vuoi sapere
DUSTY:      Non una buona regola chiedere loro troppo
DORIS:      Non una buona regola chieder pi di una volta
DUSTY:      Alle volte non servono a un bel niente.
DORIS:     It piacerebbe sapere della bara.
DUSTY:     Beh, io mai! Cosa t'avevo detto?
Non ti dicevo forse che pesco solo figure?
Ecco il Fante di Cuori!
(Si ode un fischio dalla finestra) Beh, io mai
Guarda che coincidenza! Le carte sono strane!
(Altro fischio)
DORIS:     Non Sam?
DUSTY:     Certo che Sam!
DORIS:      Naturalmente, lui il Fante di Cuori!
DUSTY:     (affacciandosi alla flnestra): Salve Sam!
WAUCHOPE:     
Salve cara
Quanti ce n' lass?
DUSTY:     
Non c' nessuno qua
Quanti ce n' cost?
WAUCHOPE:      Quattro di noi quaggi.
'Spetta che metto l'auto dietro l'angolo
E poi verremo Wauchope su
DUSTY:      Bene, venite su.
DUSTY:     (a Doris) Le carte sono strane.
DORIS:     Mi piacerebbe sapere della bara.
TOC TOC TOC
TOC TOC TOC
TOC
TOC
TOC

DORIS. DUSTY. WAUCHOPE..HORSFALL. KLIPSTEIN. KRUMPACKER.
WAUCHOPE:     Salve Doris! Salve Dusty! Come va?
Come venuti? Come venuti? vi prego, permettete -
Penso che tutte e due conoscerete
Il Capitano Horsfall - un par d'amici vorremmo presentar,
Signori americani venuti per affar.
Il Signor Klipstein. Ecco il Signor Krumpacker.
KLIPSTEIN:     Piacere
KRUMPACKER:     - Piacere
KLIPSTEIN:     Molto lieto di far la conoscenza
KRUMPACKER:     Davvero compiaciuto d'esservi presentato
KLIPSTEIN:      Sam - voglio dire il Tenente Sam Wauchope
KRUMPACKER:     Del Corpo di Spedizione Canadese -
KLIPSTEIN:      Molto di voi il Tenente ci ha narrato.
KRUMPACKER:     Eravamo alla guerra tutti insieme
Klip io e il Capitano e Sam
KLIPSTEIN:     S, abbiamo fatto anche noi la nostra parte, come dice il volgo,
Non vi dico che ridere a veder correre l'Unno
KRUMPACKER:      E che mi dici di quel poker? eh che mi dici Sam?
Che mi dici di quel poker a Bordeaux?
S signorina Dorrance lo chieda lei a Sam
Di direi di quel poker a Bordeaux.
DUSTY:     Londra lei la conosce bene, Signor Krumpacker?
KLIPSTEIN:      No non ci siamo stati prima d'ora
KRUMPACKER:     Siamo venuti a sbatterci er notte per la prima volta
KLIPSTEIN:     E certamente spero che non sia anche l'ultima
DORIS:     Le piace Londra, Signor Klpstein?
KRUMPACKER:     Se ci piace Londra? ci piace Londra!
Londra ci piace! Eh che ne dici Klip?
KLIPSTEIN:      Vede, signorina - hem - hu - Londra fa fino .
Londra ci piace un frego.
KRUMPACKER:     
E' un posto proprio chic.
DUSTY:     E perch allora non venite a stabilirvi qui?
KLIPSTEIN:     Vede, no, signorina -- hem - lei non ha ben capito
(Prima ho paura di non avere afferrato il suo nome -
Ma sono lieto lo stesso d'averla conosciuta) - Londra un po' troppo allegra per noi
S direi proprio che un po' troppo altera.
KRUMPACKER:     S Londra un po' troppo allegra per noi
Non pensate che intenda volgare -
Ma ho paura che non terremmo il passo.
Tu che ne pensi Klip?
KLIPSTEIN:     
L'hai detto, Krum.
Londra un posto elegante, Londra un posto chic
Londra il posto perfetto per venirci in visita -
KRUMPACKER:     Specialmente se avete un Britanno vivo e vero
Un tipo come Sam che vi porti un po' in giro.
Naturalmente a Londra Sam a casa sua.
E ci ha promesso di portarci in giro.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia anglosassone più letti

» Richard Feynman UN ATOMO NELLUNIVERSO
» Oscar Wilde E PIENO INVERNO
» Emily Dickinson MI AVVIAI DI BUON ORA...
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» Samuel Beckett CASCANDO
Gli ultimi Poesia anglosassone pubblicati

» Henry Scott Holland La Morte non e niente
» Emily Dickinson MONTAGNE CARE
» Emily Dickinson TOGLIETEMI TUTTO, MA LASCIATEMI LESTASI
» John Milton IL PARADISO PERDUTO
» Emily Dickinson L' Amore
» Emily Dickinson SONO CONSAPEVOLE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Bestialit divina, amico Mario, quando affatichi i muscoli ben atti e cingi e premi, ansando, e scuoti a tratti il torso dell'atletico avversario!

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9982836
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.