La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 2252 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
ER FATTACCIO

Americo Giuliani

(Nino, giovane operaio meccanico, ammanettato davanti al delegato, pallido, disfatto, con voce plorante esclama)
Sor delegato mio nun so' un bojaccia!
Fateme scioje... v'aricconto tutto...
Quann'ho finito, poi, m'arilegate:
ma adesso, pe' piacere!... nun me date
st'umiljazione doppo tanto strazio!...
(pausa )
V'aringrazio!!
Quello ch'ha pubblicato er Messaggero
sur fattaccio der vicolo der Moro
sor delegato mio... tutto vero!!
No p'avantamme, voi ce lo sapete,
so' stato sempre amante der lavoro;
e giusto, che, pe' questo, me chiedete,
come la mano mia ch' sempre avvezza
a maneggi la lima cr martello,
co' tanto sangue freddo e sicurezza
abbia spaccato er core a mi' fratello.
(pausa triste)

Quanno mor mi' padre ero fanello...
annavo ancora a scola e m'aricordo
che, bench morto lui, 'nder canestrello,
la pizza, la ricotta, er pizzutello...
nun ce mancava mai! Che, quella santa...
se faceva pe quattro, e lavorava...
e la marinarella, le scarpette
a di' la verit, nun ce mancava!

Ho capito! Me dite d'ann ar fatto
un momento... che adesso l'aricconto:
Abbitavamo ar vicolo der Moro
io, co' mi' madre e mi' fratello Giggi.
La sera, noi tornamio dar lavoro;
e la trovamio accanto a la loggetta
bona, tranquilla, co' quer viso bianco,
che cantava, e faceva la carzetta!
E ce baciava in fronte, e sorrideva
e ce baciava ancora e poi cantava:
Fior de gaggia
io so' felice sortanto co' voi due
ar monno nun ce sta che ve somija!.
E mentre sull'incudine, er martello,
sbatteva tutto allegro, e rimbarzava,
pur'io ndell'officina ripetevo:
Fiorin fiorello
la vita tutta quanta, manco a dillo,
l'ho da pass co' mamma e mi' fratello.
(pausa triste)
Poi, Giggi se cambi!!! se fece amico co'
li pi peggio bulli dell'urione
lass er lavoro.... bazzic Panico,
poi fu proposto pe' l'ammonizzione.
De pi, me fu avvisato dalla gente,
che quanno io nun c'ero, n' fratello
annava a casa pe' fa er prepotente!!
Per garach, ... l'amichi... l'osteria...
votava li cassetti der com
e quer poco che c'era l in famija
spariva a mano a mano!!! Lei per
nun rifiatava, nun diceva gnente....
ma nun rideva pi... pi nun cantava
m madre bella, accanto a la loggetta!
La ruta... li garofoli... l'erbetta
ch'infioraveno tutto er barconcino,
tutto quanto sfioriva, e se seccava
insieme a mamma che se consumava!!
(pausa)
Un giorno je feci: - A ma', che ve sentite?
voi state male... perch nun me lo dite?
Nu' rispose: ma fece un gran sospiro,
e l'occhi je s'empirono de pianto!!
Nr vedella soffr, pur'io soffrivo!
ma ch'avevo da f?... chiamai er dottore.
Disse che er male suo era qui:
ner core...
e che 'nse fosse presa dispiacere
se 'n voleva mor!!! La stessa sera
vorsi parl co' Giggi, lo trovai, je feci:
- A Gi', manima sta male assai ...
nun me la fa mor de dispiacere ...
je voio troppo bene... e tu lo sai
che si morisse, emb... che t'ho da di'?
sarebbe come er core se spezzasse!...
Mentre lei, guarirebbe si tornasse
er tempo de 'na vorta!... de quann'eri
bono... lavoratore... t'aricordi?
(pausa accorata)
Giggi me fece 'na risata in faccia:
arz le spalle, e poi me disse: - Senti,
senza che me stai a fa' tanti lamenti
faccio come me pare! E poi de' resto
si 'nte va be', nun me guard pi in faccia!
E me lass accus, li sur cantone,
cor core sfranto!! Ritornai da mamma
e la trovai davanti alla Madonna...
che pregava, e piagneva! Poverella...
quanto me fece pena!! In quer momento
per vicoletto scuro e solitario,
'ntesi Giggi cant, co 'n'aria bulla:
Fiorin d'argento
accoro mamma e nun m'importa tanto
pe l'occhi tua ci perso er sentimento.
(con impeto)
Allora feci: - A ma', se mi' fratello
ritorn' a casa pe' fa' er prepotente
ve giuro che succede 'no sfracello! -
No... no... fietto mio bello,
Giggi nun pi lui... 'na passione...
so' l'amichi che l'hanno straportato!!!
Me dette un bacio, la benedizione...
e poi, pi bianca assai de' la cera,
pe nun piagne disse - Bona sera!
(Pausa lugubre, pianissimo)
ler'ammatina che successe er fatto,
sar stato... che so... verso le sette ...
me parve de senti come 'na lotta! ...
Mamma diceva: - A Gi'.... 'nte compromette
co' tu fratello ... damme qui er brillocco...
l'urtimo ricordo de tu padre!!...
e nun te scord ... che so' tu' madre-
- E che m'importa a me de mi' fratello?
Si v assaggi la punta der cortello
venga pure de qua! - Mb... fu un momento:
sarto dar letto... spalancai la porta...
e me metto de faccia a mi' fratello,
co' le braccia incrociate sopra ar petto!
In quer momento me parve de senti 'na cosa calla ...
'na cosa calla che saliva in faccia.
Poi m'intesi gel! Fece - Che voi.... -
- Io vojo che te ne vai...
senza che fai pi tanto er prepotente
senza che me stai a fa' tanto er bojaccia!... -
Mi' madre prevedendo la quistione
se mise in mezzo pe' port la pace:
ma Giggi la scanz co' no spintone,
e poi me fece: - A voi sor santarello
ve ce vora' na piccola lezione!
E detto questo, apr er cortello
e me s'avvent addosso!!!...
Mamma se stava pe' rimette immezzo
infrattanto che Giggi d la botta...
io la scanzo... ma... mamma d 'no strillo
e casca a longa longa... Detti un urlo de belva e je strillai -
- Ah bojaccia!!!... infamone scellerato'...
m'hai ammazzato mamma!!! e me buttai
come 'na 'jena sopra a mi' fratello:
j'agguantai la mano ... e je strappai er cortello...
Poi viddi tutto rosso ... e... menai... menai!!!...
(si copre il viso con raccapriccio; ma l'eco lontano di una marcia funebre che viene dalla strada lo riscuote: e pallido per l'emozione, balbetta)
Sar mamma che passa!!
(scoppia in un irrefrenabile singhiozzo)
Mamma! Mamma mia! (poi risoluto ar delegato)
Mannateme ar Coeli.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
VERTIGINE Che cosa sono per noi, cuore mio, i laghi di sangue e di brace, e mille uccisioni, e le lunghe grida di rabbia, singhiozzi d'ogni inferno che rovescia ogni ordine, e ancora l'Aquilone sulle rovine, e ogni vendetta? - Nulla. -

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9951125
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.