La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 2714 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
La passatella (il "tocco")
Americo Giuliani

(Da dentro, uno stornello accompagnato dal pizzico della chitarra)
Nun date retta a donne... so scellerate!
cercate de scanzalle, si potete
sinn in quarche galera varitrovate!!...

(un giovanotto entrando in una bettola, raduno di gente di malavita)
Regazzi: avete letto er "Messaggero"?...
Ce sta "l'ammazzamento" de Ninetto!!
Un giovenotto bullo, che davero,
poteva di, davecce er core in petto!
Azzeccatece un po chi 1ha ammazzato?
Buretta de Panico!... Proprio quello
ch aritornato mo da fa er sordato!...
Nun lo conoscete?.. Per, fijo bello,
nun c cascato mica tanto male:
ci ha prese quattro o cinque puncicate,
che nun so si ce mre allospedale!!
Er motivo de la lite ... Indovinate: ..
"La Passatella"!! come dice er fojo
che tha fatto succede sto macello:
senza sape, che sotto ce nimbrojio,
che se arisorto arfine cor cortello!!
Sentite er fatto: me ce so trovato,
iersera, proprio pe combinazione.
Cera Nino, er "Gattello" cor "Tarmato",
"Lemme-Lemme" ... e nantre sei persone.
Stammio ndellosteria li a "alla Lungara"
ci avemmio in corpo gi diverso vino ...
Lemme-Lemme sonava la ghitara:
1aritornelli li cantava Nino...
e diceva accos:
"Pe quella bocca, e quellocchioni belli,
ce lho tradito un giovenotto bullo,
me so' buttato in mezzo a' li cortelli!! ...
E si' sto bullo un giorno mincontrasse,
e de stamore, conto me chiedesse,
galera, o camposanto... m'aspettasse!!".
- Piantela! feci co sti piagnistei!...
Portate nantro litro... sora Tuta
A Nino: emb' che giovenotto sei?...
Se dice: "Gente allegra, Dio laiuta"....
ma tu fijo bello, drento allosteria
te se messo a cant sto miserere,
ch longo peggio de na litania!...
che giovenotto sei... me fa er piacere ?...
Nino me fece: Smorza... me sto zitto...
hai raggione!... bevemo!... pero er core,
stasera me lo sento tutto afflitto;
e ci ho un presentimento de dolore,
pe mamma mia!!... Bevemo sto goccetto,
poi me ne vado a ccasa! Lho lassata
che ci ha la tosse, e un doloretto in petto!...
Pora vecchietta!... quanno sta malata,
Vo che je sto' vicino, perch ha detto
che lunica magniera pe guarilla,
quella dav' accanto er su Ninetto ...
perch, lei dice, allora pi tranquilla!
Nun aveva finito de discore che,
dalla parte delle Mantellate
sintese de cant: "Fior de mughetto...
Pe chi la mi ragazza mha levata,
tengo un cortello da piantaje in petto!!".
- E er Buretta che canta... - fa er Gattello -
- Com hai detto !... er Buretta. - fece Nino -
Divent bianco, se cacci er cortello,
e lappunto de sotto ar tavolino!!
Se spalanco la porta: quelli entrorno:
- Bona sera regazzi!... Bona sera!...
e nun appena che ce salutorno,
vedessimo chi cera e chi nun cera:
"Nello de Ponte ", "Toto dellArmata "...
"Er Manciola"... e certantri giovenotti
che n conoscemmo Doppo "1invitata"
ordinassimo nantri po de gotti!
"Er Buretta" ce fa: Co tanto vino
me dite giovenotti che ce famo?
Io de sottocchio me guardavo Nino
- Embe... fece er Manciola a che pensamo?
Ragazzi! ho fatta na pensata bella:
giacch c er fatto desse tutti amichi,
se la volemo fa na passatella?
Eh Nino? che ne pensi?... che ne dichi? ...
- Ce della gente che nun la conosco...
o pe ddi mejo, so solo de nome!!...
- Ma nun vieranno mica mai dar bosco
sta gente che voi dite... e nun so come...
- Smorza !... smorza Bur!!... Allora famo.
Annamo pe chi va?... Va pe 'r Manciola:
ferme le deta che mo le contamo:
sessantasette... Aeh! na girata sola...
- Allora ... ventisette... trentasette... e der Tarmato
- Padrone Nino... e sotto... fe er Buretta
aricordateve de chi vha cacciato...
pe mo me faccio solo sta fojetta
- Mannate, a sor mae fece er Buretta
- Ce manno Lemme Lemme disse Nino
- Chiedete! Posso beve?... Sta fojetta
me la fo io! E de sto passo, er vino,
te se lo schiaffa in corpo tutto quanto!!

- Mbe?... ci arifamo?... Pe me pianto er gioco!
- Che accosi presto voi je date er pianto?
Acciderba, come bevete poco!!
A sta parola Nino se fa giallo:
- Amico... senza fa la minchionella,
sto gioco, torna conto de lassallo!
E... sinno?... Ve sarimponer la passatella
- Ma pe propotenza, o... Come te pare!
De resto gi la maschera dar viso:
me chiamo Nino delle Vorpettare...
quello, che solamente p n soriso,
de na regaza che se chiama Rosa ...
- Rosa de Borgo? Si!! Scelerato!!...
- Sorte de fore!!... arfine tho trovato...
E che voi aregge!! comme n addannato,
me da na strattonata... pia er cortello...
co n sarto er tavolino e scavarcato,
e l pe strada incomici er duello!!
Le lame, me pareveno saette,
nde la giostra de sotto a quer lampione.
Noi, da na parte, senza disse un ette
guardammio tutti zitti sta funzione!
Un urlo rimbombo nde la nottata:
- Fermete, bojaccione.... che m hai fatto!!!
Sulla camicia tutta insanguinata
er Buretta ce porto la mano, e allatto,
casco longo de peso sur serciato!!!
Se buttassimo immezzo tutti quanti:
Nello, Toto er Manciola... cor Tarmato
lo sollevorno: Embe! regazzi! avanti...
C lospedale che sta qui vicino...
portatelo accusi... fate attenzione! ...
Sallontanorno... Io mavvicino a Nino:
co le spalle appoggiate l ar lampione,
palido come un morto me guardava:
le braccia gi, er cortello a pennolone!
Da la parte der core ce spiccava
na macchia rossa!! Dico: Sei ferito!!
Fece na smorfia... No... mha puncicato!
Saridrizz Chede? Me pare ave sentito
uno de core!... Te sarai insognato...
- Si: hai raggione... e na donna che core...
- Che fusse tante vorte... e mi sorella!
"A Ninooo... core a ccasa mamma more!!!"
- Che?... More mi madre Ah! boja passatella!!!
Fece pe cre e corse un venti passi,
co na corsa affannata... se ferm:
e prima... prima assai chio larivassi,
strill: Ah mamma!!!... e poi casc!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
San Michele aveva un gallo bianco, rosso, verde e giallo e

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9998823
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.