La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 12, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 853 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Cesare Pascarella

ER MORTO DE CAMPAGNA

1881

I

C'erimo io, Peppetto de li Monti,
Checco Cacca, Gigetto Canipella.
Chi antro c'era?...L'oste a via Rasella,
Stefeno er tornitore a Tor de Conti.

E, me pare, er droghiere a li du' Ponti,
Cencio la Quaja, Zio de la Renella,
Er Teoligo, Peppe... e la barella.
All'una e un quarto stamio tutti pronti.

Prima d'usci', mannassimo Nunziata
A giocacce dar Sordo un ambo sciorto:
Cinque mortorio e trenta la giornata.

Poi sentissimo bene da Gregorio,
Er mannataro, dove stava er morto,
E uscissimo a le due da l'Oratorio.


II


Quanno stamo un ber po' for de le mura,
Dice: -- Passamo pe' la scortatora,
-- Ah, Nino, dico, si nun sicura,
Bada che non uscimo pi de fora.

-- Ma, dice, annamo, nun av' paura:
Ce venni a caccia pe' la Cannelora. --
E annamo. Peppe mio, che fregatura!
Stassimo pe' la macchia un frego d'ora.

Sotto a le Capannelle de Marino
Trovassimo 'na fila de carretti,
Che veniveno a Roma a port' er vino;

E a forza de strillaje li svejassimo,
Che dormiveno tutti, poveretti;
E l a lo scuro je lo domannassimo.


III


-- Avete visto gnente un ammazzato?
Dice -- Vortate gi pe' 'ste spallette,
Annate a dritta, traversate er prato;
Quanno sete arrivati a le Casette,

Domannatelo a l'oste der Curato
Che ve l'insegna. -- Quanto ce se mette?
Dice: -- si annate a passo scellerato
Ce metterete sempre un par d'orette --

Ritornassimo addietro viciversa,
Fijo de Cristo! co' le cianche rotte.
Quanno stassimo sotto a la Traversa,

L, li carretti ce se slontanorno,
E noi daje a gir, tutta la notte
Finch a la fine ce se fece giorno.


VI


Che giornata, Madonna! Nera, nera,
Che pareva dipinta cr carbone,
Che proprio nun te fo esagerazione,
Era matina e ce pareva sera.

Se mettessimo sotto a 'na macra
Morti de fame pe' magn' un boccone.
Venne un'acqua! Ce prese 'no sgrullone
Che nun vedemio pi celo n tera.

Spiobbe. Se rimettessimo in cammino;
Ma indovinece un po'? Riannamo a sbatte'
Sotto a le Capannelle de Marino.

Ma basta, er fatto sta, tanto cercassimo
Immezzo a li canneti, pe' le fratte,
Pe' li fossi, che arfine lo trovassimo.


V


Stava infrociato l a panza per aria,
Vicino a un fosso, accanto a 'na grottaccia,
Impatassato drento a la mollaccia...
C'era 'na puzza ch'appestava l'aria.

Le cornacchie e li farchi da per aria
Veniveno a beccjese la faccia,
E der pezzo de sopra de le braccia
C'era rimasto l'osso. Che barbaria!

E ne l'arzallo pe' portallo via,
Je trovassimo sotto un istrumento
Lungo cus, che mo sta in Pulizia.

Poi don Ignazio disse le preghiere;
E tornassimo co' le torcie a vento,
Pe' la macchia, cantanno er Miserere.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ha bisogno di qualche ristoro il mio buio cuore disperso. Negli incastri fangosi dei sassi come un'erba di questa contrada vuole tremare piano alla luce

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9980819
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.