La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 15, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 1042 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
ER RIFUGGIO

A le curte: te vi sbrig d'Aggnesa
Senza er risico tuo? Be', tu pprocur
a D'ammazzalla vicino a quarche chiesa:
Poi scappa drento, e nun av ppavura.

In zarvo che tu ssei dopo l'impresa,
Freghete del mandato de cattura;
Ch a chi tte facci l'ombra de l'offesa
Una bona scomunnica ssicura.

Lassa f: staccheranno la licenza:
Ma ppe la grolia der timor de Dio,
C' sempre quarche pprete che ce penza..

Tu nun ze' un borzarolo n un giudo,
Ma un cristiano c'ha perzo la pacenza:
Dunque, tu mena, curri in chiesa, e addio.

Roma, 5 dicembre 1832

IL RIFUGIO
Alle corte: ti vuoi liberare di Agnese
Senza rischiare? Beh, tu procura
Di ucciderla vicino a qualche chiesa:
Poi scappa dentro, e non aver paura.[1]

Una volta in salvo dopo l'azione,
Non preoccuparti del mandato di cattura;
Perch a chi ti facesse anche l'ombra di un'offesa
Una buona scomunica assicurata.

Lascia fare: spiccheranno il mandato:
Ma per la gloria del timor di Dio,
C' sempre qualche prete che ci pensa.

Tu nun sei n un borseggiatore n un ebreo,[2],
Ma un uomo[3] che ha perso la pazienza:
Dunque, tu colpisci, corri in chiesa, e addio.

Roma, 5 dicembre 1832
[1] Il diritto di asilo, grazie al quale nessuno poteva essere arrestato o portato via se all'interno di una chiesa, era ancora in vigore a quei tempi. I vescovi modificarono tale regolamento cos che i molti ladri e criminali che si rifugiavano negli edifici sacri potessero essere arrestati, anche se per molto tempo ancora la legge consentiva agli stessi vescovi di decidere caso per caso se consentirne o no l'arresto.
[2] Colpe di sicuro ben pi gravi!
[3] Nel dialetto romano "uomo" e "cristiano" sono sinonimi (dunque, solo ai cristiani spettava godere dei diritti civili!)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
» Gabriele Tirabovi COMBA
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ove sono i cavalli del Sole criniti di furia e di fiamma? le code prolisse annodate con liste di porpora, l'ugne adorne di lampi su l'aride ariste? Ove l'aie come circhi te trebbie come pugne, come atleti la rustica prole?

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6643
Autori registrati
3161
Totali visite
12259219
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.