La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 17, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 1375 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
LA PENALE

Li preti, gi sse sa, fanno la caccia
A 'gni sorte de spece de quadrini.
Mo er mi' curato ha messo du' carlini
De murta a chi v d 'na parolaccia.

Tocc a me l'antra sera a la Pilaccia:
Ch giucanno co certi vitturini,
Come me vedde vince un lammertini,
Disse pe ffoja: "Eh buggiar Ssantaccia!"

Er giorn'appresso er prete gi informato,
Mann a ffamme chiam dar chiricone,
E m'intim la pena der peccato.

Sur primo io vorze d le mi' raggione;
Ma ppoi me la sbrigai: "Padre Curato,
Buggiaravve a voi puro: ecco un testone".

Roma, 3 dicembre 1832

TRADUZIONE

A PENALE
I preti, si sa, vanno a caccia
Di soldi ogni sorta e tipo.
Adesso il mio curato ha imposto due carlini[1]
Di multa a chi vuol dire una parolaccia.

Tocc a me l'altra sera, alla Pilaccia[2]
Perch giocando con certi vetturini,
Appena mi vidi vincere una moneta da due paoli[3]
Dissi per ira: "Sia buggerata Santaccia!"[4]

Il giorno seguente il prete gi informato,
Mand a farmi chiamare dal sagrestano,
E mi intim la pena per il peccato.

Sulle prime io volli esporre le mie ragioni;
Ma poi tagliai corto: "Padre Vicario,
Siate buggerato anche voi, ecco un testone".[5]

Roma, 3 dicembre 1832
[1] Equivalenti a 15 baiocchi.
[2] Nome di osteria, con riferimento all'insegna del locale.
[3] Moneta d'argento del valore di 2 paoli coniata dal papa Prospero Lambertini (Benedetto XIV), detta perci comunemente "un lambertini", "un prospero" o "un papetto", equivalente a 10 baiocchi.
[4] "Buggiar..." (sia buggerato, buggerata, buggerati, ecc. nel senso figurato pi osceno) era una comune imprecazione romana. Santaccia, invece, era una nota meretrice che 'lavorava' a Roma.
[5] Moneta equivalente a due volte la multa, cio 4 carlini (3 paoli).


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Questa poesia parla di tutti, ognuno di noi ed stata scritta di recente

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6626
Autori registrati
3140
Totali visite
11492386
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.