La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 15, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 2161 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
La vita dell'Omo

Nove mesi a la puzza: poi in fassciola[1]
tra sbasciucchi[2], lattime[3] e llagrimoni:
poi p'er laccio[4], in ner crino[5], e in vesticciola,
cor torcolo[6] e l'imbraghe pe ccarzoni.[7]

Poi comincia er tormento de la scola,
l'abbecc, le frustate, li ggeloni,
la rosalia, la cacca a la ssediola[8],
e un po' de scarlattina e vvormijjoni[9].

Poi vi ll'arte, er diggiuno[10], la fatica,
la piggione, le carcere, er governo,
lo spedale, li debbiti, la fica,

er zol d'istate, la neve d'inverno...
E pper urtimo, Iddio sce[11] bbenedica,
vi la Morte, e ffinisce co l'inferno.


Roma, 18 gennaio 1833

note
[1]. Il bambino in fasce dicesi sempre cretura infassciola.
[2]. Baci dati con insistenza. -
[3]. lattime: croste lattee. -
[4]. Ginghia attaccata dietro le spalle de' bambini per sorreggerli ne' loro primi mesi di cammino. Pu presso a poco paragonarsi al tormento della corda. -
[5]. canestro in forma di campana, aperto in alto e nella base, entro cui si pongono i bambini, che lo spingono col petto e tengonsi ritti in esso nel camminare. -
[6]. salva-capo contro le cadute. -
[7]. con il cercine e le braghe come calzoni. -
[8]. ssediola: seggetta. -
[9]. Vormiglioni: vaiuolo. -
[10]. ll'arte: il lavoro; er diggiuno: il digiuno ecclesiastico. Digiuno ecclesiastico che principia all'anno ventunesimo. -
[11]. Ci.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
6 Flavio, se l'amor tuo non fosse privo di grazia e di finezza lo vorresti dire a Catullo, non sapresti tacere. Ma certo tu ami qualche puttana malandata: per questo ti vergogni. Che tu non giaccia in solitudine la notte, anche se tace, lo rivela la tua camera fragrante di ghirlande e di profumi assiri, il cuscino gualcito da ogni parte,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6629
Autori registrati
3144
Totali visite
11767858
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.