La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 16, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 1609 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Giulio Cesare Santini

La festa de' l'urione


I.

Com' che se trov ne la Saletta sotto
l'arco de Banchi? E chi sa gnente!
Cos pe' sbajo, come 'na barchetta
scegne, scegne da s co' la corente.

Fu propio l che, assieme all'antra gente,
incontr que' la vipera, Marietta,
che se l'inturcin com'un serpente
fra le carezze sue de maledetta.

Fu propio drento l, propio in quer sito
che se scard la madre ciorcinata,
e pe' du' vorte ce rest ferito.

Eppuro era un regazzo che sortanto
a sent' 'na canzona appassionata
l'occbi je s'azzuppaveno de pianto.

II.

Se sentiva sfuggito, anima perza,
e gi l'avvelenava er pentimento.
Ma in que' la vita, si ce caschi drento,
come fai pe' pij' 'na via diverza?

- Me so' trov du' vorte in der cimento
e so' sortito sarvo, ma a la terza
- diceva - ciarimano, nun se scherza... -
Ciaveva puro 'sto presentimento!

'Na sera sotto casa, stiede un pelo
p'ess arestato... Sent url': Righetto!
forte che parse ch'intronasse er celo.

Gi da un ber pezzo in qua, s'era cambiato:
l'urlo de mamma sua fece 'n effetto

che lo mann su casa straformato.

III.


La madre, in quer minuto d'agonia
fece 'sto voto qui: "Vergine santa,
si lo lasseno subbito, si pianta
tutti I'amichi, er vino e qae' l'arpia,

er quinnici settembre, a spese mia,
Nanna vostra ve giura che v'ammanta
l'artarino de Banchi, e che v'avanta
come Madre de Grazzie a chi se sia".

Righetto ariv su: - Fijo mio bello!
Lui je butt un socch sur tavolino:
- A mamma... ariponeteme er cortello... -

- Che? lassi?... - Tutto quanto - E... que' la donna?
- Nu' ne parlate pi... - Gesubbambino! -
- Core de mamma... stata la Madonna!-

IV.



E pe' la gioia che j'opriva er core
incominci a baciallo, piano piano,
su la fronte, sur collo, su le mano,
ome 'na matta, e je diceva: - Amore,

io, prima, ne lo strazzio indisumano,
ho fattoao un voto: er quinnici aricre
er nome de Maria... Pe'faje onore io
j 'illumino Banchi sano sano.

Di ' perch nu' m'aiuti a fa' 'sta festa?
Eri tanto devoto da ciuchetto!...
Accus te divaghi un po' la testa!... -

- Ah mamma, mamma santa! Ma ho paura...
er nome mio segnato a lo specchietto:
me lo dar er permesso la Quistura?... -

V.


Er permesso l'ottenne, e que' la sera
der nome de Maria, sotto l'Archetto,
la madre se guardava er su' Righetto,
come 'na cosa che nun fusse vera.

Su la Madonna c'era na raggera
e ' gni punta ciaveva u' luminetto;
e l'apparati bianchi de merletto
co' la frangia toccaveno per tera.

Sotto li lanternoni colorati
strillaveno 'na massa de fanelli,
e in mezzo a que' li strilli indemoniati,
da la Saletta accosto, fra e' rumore,
veniva l'eco de l'aritornelli
e der varzere Espana tentatore.

VI.


Righetto, a quer bojaccia movimento
de piedi che ballaveno, s'intese
rifriccic' le gambe, e se difese
strillanno: Mamma! com'un sarvamento.

Ma propio in quer medesimo momento
s'opr 'na mezza porta, e a lui je prese
un crpo che p'un pelo nu' lo stese:
vedde Marietta che ballava drento.

Allora er sangue je mont ar cervello,
poi lei l'assassin co' 'na guardata,
e in quer momento lui nun fu pi quello.

Scapp drento... La madre opri le braccia,
corse l come 'n'anima addannata,
ma s'intese sbatt' la porta in faccia.

VII.


Que' la Saletta, calla come un forno,
era 'na botteguccia de barbiere,
e ciannava a ball' tutte le sere
la schiuma de Panico e der contorno.


Accus que' le povere specchiere
'gni momento aspettaveno e' ritorno
de li primi riverberi der giorno
pe' specchi' un po' de facce pi sincere.

Righetto, amalappena che fu entrato,
chiese un ballo a Marietta: - So ' impegnata,
ho gi promesso un varzere ar Tarmato.

Pero che me n'importa? Su, Righ,
nun ce vojo pens' che m'hai scordata,
annamo, moro mio, ballo co' te... -

VIII.


Giggi, er Tarmato, je se fece avanti:
- E chi t'azzarda da levamme er ballo?
So' azzione da bolaccia, da vassallo!...
A gisuita, va a preg' li santi!...-

- Che intenneressi a di', grugnaccio giallo?
Brutt'impunito, mejo che la pianti!
Chi gisuita, chi? Mica m'incanti,
'st'inzurto te l'avrai da rimagnallo!...

Ma nemmanco finisce 'sto discorzo
che gih er Tarmato je s'affiara ar petto,
caccia er cortello... Lui j'aregge er porzo...

Er viso j'arde peggio de 'na fiamma,
cerca er cortello accosto ar fazzoletto...
Ah pensa nun ce l'ho: l'ho dato a mamma!

IX.


La madre, in de 'sto mentre, ne l'affanno,
se credeva de perde' la raggione...
Stava davanti ar Quadro, in ginocchione,
co' la testa per tera,singhiozzanno...

Vergine Santa, io moro, me ciaddanno!
Per je manno 'sta maledizzione:
si deve aritomamme un bojaccione
ripijatelo mo, m'ariccommano.. -

La gente nun sapenno 'ste disgrazzie,
gi pe' Banco San Spirito strillava:
- Evviva la Madonna de le Grazzie! -

Quanto Righetto appare su' la porta...
La madre scappa l: lui trabballava:
- A mamma... questa qui la terza vorta!

X.


... A mamma... questa qui la terza vorta.
er mi' presentimento s' avverato!... -
E ariv sott'ar Quadro illuminato,
co' 'na mano sur core, a bocca storta.

Righetto! -url la madre mezza morta,
-Assassino! - Acchiappatelo! - M svorta...-
Se vedde fugge' un omo: era er Tarmato.
e madre e fio cascorno sur serciato...

La madre urlava: - Vergine, aritratto
la mi' maledizzione... Nu' lo fate... -
Lui invece chiuse l'occhi, l, sull'atto.
Lei allora disse: - Ci pregato Dio
pe' fammelo mori'... Nun arestate
gnisuno... Guardie, l'ho ammazzato io!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
BREZZA MARINA La carne triste, ahim! e ho letto tutti i libri. Fuggire l, fuggire! Io sento uccelli ebbri D'esistere tra cieli ed ignorate spume. O notti! n il chiarore deserto del mio lume

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9969884
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.