La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 891 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Er bimbo s'e' addormito

"Ho paura, mi fai male, per favore,
portami da mammina, che ho dolore".

Ogni vorta che violentano 'na creatura
sta frase me rimbarza ner cervello e ho paura,
paura de impazz e senza rancori,
usc a cerc er mostro, pe' fallo fori.

A me nun me frega gnente considerallo un malato,
nun po', dopo er primo momento, nun rest paralizzato
davanti a un corpicino fragile ed innocente,
che grida "aiuto, signore, lasciami, io nun t'ho fatto gnente".

E tu Padre Eterno che la vita c'hai donato,
potresti interven a levallo dar creato,
er regazzino nun doveva stare l
ma nel suo lettino callo, rannicchiato pe' dorm.

L'ira me se placa ma solo per un secondo
sognando la creatura andare all'artro mondo
dorme finarmente, er mostro se n' annato,
se trova in Paradiso, se Dio l'ha creato.

Er posto molto bello tutto profumato
l'adulto nun po' entr, l'accesso gli vietato.
La nuvola er pavimento, er cielo il suo tetto,
ner mezzo un parco giochi intorno a n'castelletto.

Solo alla Madonna l'ingresso consentito,
con lei nun vedi l'ombra de n'bimbo impaurito.
Co' n'bacio, n'soriso e pure 'na carezza,
difenne st'angioletti che fanno tenerezza.


Giuseppe Mincuzzi
mincuzzig@virgilio.it
www.mincuzzi.net


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La bellezza dello sguardo sta nel silenzio dell'anima

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
10003206
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.