La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: aprile 30, 2014 | Da: Letizia
Categoria: Poesia dialettale centro Italia | Totali visite: 3541 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Letizia
Nata a Roma il 3.4.1961;laureata in lingue LUMSA;professione:addetta di biblioteca; sposata e madre di due figli.
La stella della speranza
(a Trilussa)

Er sor Trilussa,
che der verso era maestro ,
un tempo recitava :

Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d'agosto tanto belle
ch'er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
a ognuna che casca penso spesso,
a le speranze che se porta appresso

Mo io, con riverenza,
jarisponno :

Veda, sor mae,
le speranze si, so come stelle
come le stelle saccennono,
come le stelle se spegneno,
ma pur sempre come stelle brilleno,
e ce fanno camp der soriso der celo.

Allora, sor mae
vojo falla na preghiera
a colui che tutto move :

Padre,
noi de speranze ce navemo tante ,
da nun pot tenelle tutte ner petto;
per si vero
che le speranze so lurtime a mor ,
puro p nattimo,
accennce ste stelle,
e dentro ar core, facce ntener
Perch, si su st tera
nun chai manco na speranza,
da butt l
sei come na stella che casca
e n mezzo ar celo danza
senza quarcheduno che se scanza.

Quindi, sor ma, fateve serv,
puro si vero che
chi de speranza vive, disperato more,
ancor pi vero che riusc a ten illesi
e an filo de speranza li desideri appesi
serve come er pane
a tutti quelli che stanno a camp qu .


Letizia 11.04.2014


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale centro Italia più letti

» Trilussa IL TESTAMENTO DI UN ALBERO
» Aldo Fabrizi MAGN E DORM
» Gioacchino Belli A BONA FAMIJA
» Gabriele Tirabovi COMBA
» Gioacchino Belli ER GIORNO DER GIUDIZZIO
Gli ultimi Poesia dialettale centro Italia pubblicati

» La stella della speranza (a Trilussa)
» Trilussa LA STATISTICA
» Trilussa LA STELLA CADENTE
» poesia
» Enrico Taddei - Diaolo me
» Enrico Taddei - Aimmno sola


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
CROGIUOLO DI VITA, MEMORIA ARCANA, ALTO LO SGUARDO SUL VERDE DEL TREJA LIBERA SEMPRE, FALISCA O ROMANA CALCATA LA BELLA DI BELLO CI BEA. ARTI ED ACCENTI ALIENI E NOSTRANI, TRAVAGLIO DI ALME E PALME DI MANI, AMANTE DI SOGNI VICINI E LONTANI.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6494
Autori registrati
3065
Totali visite
9457107
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.