La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 23, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale Italia del nord | Totali visite: 6204 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Franco Loi

Dispirus cachi s bttr de nev

Dispirus cachi s bttr de nev,
'me pomm d'aranz ch' un'aria de penser
vedra j a penzula al nevurasch di tecc,
e i pess dur de Cina disen plgass
nel trbed de la vasca presun,
e 'l Bobi, negher btul, can schifus
che lecca merda e va, cume quj orb
che passen 'rent a t cul frecc di mort,
e, de lifrun, la bissa scudelera
la cerca, nel rasp che fa la tra,
i fiur del paradis, l'urtensia, i sps,
che lvren f d'argent al brsch de l'ga
lung a la mra inamur del s,
e Meri, urizunt f de tristessa,
sciura di can, tusetta che del ciel
gelusa te sgarrvet la s'genada
di stell de sass sj cachi slnascent, t, Meri,
d'una serva sgravaggiada
passer de scund, vestina ch'aj cancell,
cuj cc de s, tra i glcin la slisava,
e l'umbra del giardin pareva l, niascn,
che dai ramas'g te s'inveggiava
tr mter f de nul, culmgn penser,
la frunt che, nel sugnss, la smentegava
i ciam, el rosc di fj sj str de nev, Meri di fiur,
maestra de bardassa,
arla d'amur, ch'al curr di desdtt ann,
cuj t silensi e la sapiensa ghiba,
d'un tumb, ansius mur, te gh lass,
nm ftuv, nm strigzz, strafj 'me t,
che sl catrm luntan d'una quaj strada
el ciel l'era un lins de nvur fint.


Frutti di Dio,
cachi su pani di burro di neve.

Frutti di Dio, cachi su pani di burro di neve,
come mele d'arancio che un'aria di pensieri
vetrata li penzola alla nuvolaglia che minaccia dai tetti,
e i pesci dorati della Cina si dicono parole vane
nel torbido d'acqua della vasca prigionieri,
e il Bobi, botolo negro, cane schifoso
che lecca merda e va, come quei ciechi
che passano accanto a te col gelo dei morti,
e, da pigraccia, di soppiatto, la corazzata tartaruga
cerca, nel raspare che fa alla terra,
la serenella del paradiso, l'ortensia, le libellule,
che finiscono volando la loro vita fatte d'argento
al brusco dell'uva
lungo la mura innamorate del sole,
e Mery, orizzonte fatto di tristezza,
signora dei cani, ragazzina che del cielo
gelosa rubavi furtiva il gelare del gennaio
delle stelle di sasso sui cachi illuminati dalla luna,
tu, Mery,
di una serva sgravata
passerotto da nascondere, vestina che ai cancelli,
cogli occhi di sole, tra le glicini scivolava,
e l'ombra del giardino sembrava lei,
uccelletto da cova,
che dalle glacce sui vetri vedevi invecchiare
tre metri fatti di nuvole, pensieri di tetti e comignoli,
e ti s'invecchiava la fronte che, nel sognarsi,
dimenticava i richiami,
il frottare dei ragazzi sulle strade di neve,
Mery dei fiori,
maestra di ragazzaglia,
visione d'amore, che al correre dei diciotto anni,
coi tuoi silenzi e la sapienza gelida,
d'un improvviso, rovinoso, ansioso morire,
tu ci hai lasciati,
noi fatui, noi spavaldi e miserelli, malcresciuti come te,
che sul catrame lontano di una qualche strada
il cielo era diventato un lenzuolo di nuvole finte.


Franco Loi - Strlegh


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale Italia del nord più letti

» Berto Barbarani SANTA LUSSIA
» Carlo Porta LA MIA POVERA NONNA LA GHAVEVA
» Franco Loi Dispirus cachi s bttr de nev
» Pier Paolo Pasolini Dansa di Narcs Danza di Narciso
» Pier Paolo Pasolini Ploja tai cunfns Pioggia sui confin
Gli ultimi Poesia dialettale Italia del nord pubblicati

» franco-semo in pension
» Edoardo Firpo IL Gabbiano
» Edoardo Firpo L'Usignolo
» Michela Zanarella NA PIOVA DE RICORDI
» Umberto Carantani LA MIA TERRA - La me terra
» Franco Loi Puta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
"Nessuno, mamma, ha mai sofferto tanto..." E il volto gi scomparso Ma gli occhi ancora vivi Dal guanciale volgeva alla finestra, E riempivano passeri la stanza Verso le briciole dal babbo sparse Per distrarre il suo bibmo...

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9947974
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.