La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale Italia del nord | Totali visite: 5289 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Pier Paolo Pasolini
Il d da la me murt

Originale     Versione italiana

Il d da la me murt


Ta na sitt, Trist o Udin,
ju par un vil di tjs,
di vierta, quan' ch'a mdin
il colur li fujs,
i colari murt
sot il soreli ch'al art
biondu e alt
e i sierari li sjs,
lassnlu lusi, il sil.
Sot di un tj clpid di vert
i colari tal neri
da la me murt ch'a dispirt
i tjs e il soreli.
I bij zuvins
a corarn ta ch lus
ch'i i pena pierdt,
svualnt fur da li scuelis
cui ris tal sorneli.
Jo i sari 'ciam zvin
cu na blusa clara
e i dols ciavij ch'a plvin
tal plvar amr.
Sari 'ciam cialt
e un frut curnt pal sfalt
clpit dal vil
mi pojar na man
tal grin di cristl.

Il giorno della mia morte


In una citt, Trieste o Udine,
per un viale di tigli,
quando di primavera
le foglie mutano colore,
io cadr morto
sotto il sole che arde,
biondo e alto,
e chiuder le ciglia
lasciando il cielo al suo splendore.
Sotto un tiglio tiepido di verde,
cadr nel nero
della mia morte che disperde
i tigli e il sole.
I bei giovinetti
correranno in quella luce
che ho appena perduto,
volando fuori dalle scuole,
coi ricci sulla fronte.
Io sar ancora giovane,
con una camicia chiara,
e coi dolci capelli che piovono
sull'amara polvere.
Sar ancora caldo,
e un fanciullo correndo per l'asfalto
tiepido del viale,
mi poser una mano
sul grembo di cristallo.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale Italia del nord più letti

» Berto Barbarani SANTA LUSSIA
» Carlo Porta LA MIA POVERA NONNA LA GHAVEVA
» Franco Loi Dispirus cachi s bttr de nev
» Pier Paolo Pasolini Dansa di Narcs Danza di Narciso
» Pier Paolo Pasolini Ploja tai cunfns Pioggia sui confin
Gli ultimi Poesia dialettale Italia del nord pubblicati

» franco-semo in pension
» Edoardo Firpo IL Gabbiano
» Edoardo Firpo L'Usignolo
» Michela Zanarella NA PIOVA DE RICORDI
» Umberto Carantani LA MIA TERRA - La me terra
» Franco Loi Puta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
D'oro si fanno brune le cupole stupende, ma sotto il cielo illune il cielo d'oro splende. Splende l'emblema come nel codice ammirando: Venezia trepidando nel sacrosanto nome.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6639
Autori registrati
3147
Totali visite
11922410
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.