La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 11, 2016 | Da: francogobbo13
Categoria: Poesia dialettale italiana | Totali visite: 2806 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
francogobbo13
poesie quasi tutte in dialetto veneto
i batòci

El xe stà on fato poco curioso
queò che xe capità a Sant’Ambroso

On paese no tanto grando, picoeto,
taccà al so prete, come e rode al careto,

on prete pien de vita, pien de afeto
mandarlo via, xe stà propio on dispeto.

Xe sta fatto de tuto pa farlo restare,
no ghe xe verso, sto prete gà da ‘ndare.

Davanti a canonica xe stà fato a rivoiussiòn
xe rivà i carabinieri e i gà portai in presòn.

Parchè e campane no se sente sonare?
ciò, i batoci de note i xe ‘ndai robare.

Xe rivà naltro prete cò i carabinieri
ma nol jera propio come queo de jeri.

raquanta xente no ‘ndava pi in cesa
da sto fato a se sentia proprio ofesa.

I jornai, gà scrito par dee setimane
tirè fora i batoci e fè sonare e campane,

tuti però se ga dato on gran da fare
parchè e campane tornasse a sonare,

sti batoci, lo sa tuti, no xe mia on mistero
che i xe stai sepeìi so na busa in simitero.

Ghemo rimpianto chel prete che xe ‘ndà
e no ghemo mai capìo queo che xe rivà,

ghemo sentio dopo de a so mancansa
e anca de no verghe usà tanta creansa.

Soeo col xe morto o ghemo capìo,
desso sto prete quà o voressimo indrìo.

A xe e sarà sempre cossì, no ghe xe verso,
col manca, savemo queo che ghemo perso.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale italiana più letti

» Biografia Salvatore Sini soprannominato “Badore”
» Vincenzo Pagano Addio marì
» Trilussa: "la lucciola"
» Franco I batòci
» SALVATORE DI GIACOMO 3 pubblicazioni nella sezione italia del sud
Gli ultimi Poesia dialettale italiana pubblicati

»
»
» franco sol Monfenera
» Franco I batòci
» franco-sensa pensieri
» Vincenzo pagano A sciurara


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
CANZONETTE III • (Lo Stradino) Questi sassi tu livelli E io, come trovatore, Così un cubo di cervelli Debbo aprire a tutte l'ore

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6738
» Autori registrati
3194
» Totali visite
13607967
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.