La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 11, 2016 | Da: francogobbo13
Categoria: Poesia dialettale italiana | Totali visite: 1070 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
francogobbo13
poesie quasi tutte in dialetto veneto
sol Monfenera

Tosati xovani, parti par fare el miitare,
pena cavai fora, dai brassi de so mare,

i se ga cat so na busa in meso al paltn,
sora na montagna, col sscipo in man.

Lordine, jera de fermare quei col ciodo,
a ogni costo, e sensaltro, a ogni modo.

I jera l, jera fredo, jera bruto e jera dinverno,
quando so che a montagna xe scoppi linferno,

el nemico xe riv c e bombe de lartiglieria,
e dae buse, sti tosati se ga visto voeare via.

Ghe xe tanta paura, ghe xe tanta disperassin,
a ogni colpo de fuse, a ogni colpo de cann.

Quando fina de sparre e vegnea sera,
sti tosati, poareti, invocava sta preghiera:

cara mama benedeta, parla ti a nostro Signor,
pa fermare sta cativeria, se affidemo al so amor,

che finalmente, ogni arma, par sempre tasa,
e anca sensa scarpe, presto tornare casa.

Na bea signora, xe aparsa l, come dincanto,
sensa scarpe, de bianco vestia e azuro el manto

disendo:presto sta guera finir, e tornar a pase,
e valtri tosati, tornar a pregar so e vostre case.

Coss xe capit, chea volta l sol Monfenera,
ogni tanto, qualcuno torna e fa na preghiera.

Oncora desso a Madona ciama l a pregare,
parch ghe xe oncora tante guere da fermare.

Col nome de Maria Regina dei Angei custodi
a se presenta a na vegente, co bei modi,

a domanda de pregare e fare penitensa
se no voemo che de a pase, stemo sensa.

El giorno quatro de ogni mese, sta vegente,
se trova sol Monfenera, in meso a tanta xente,

a pregare par sto mondo che gira roverso,
parch cambiarlo, proprio no ghe xe verso.

Se fa siensio, se varda s, in alto verso el co,
l, pi de qualcuno, ga visto chel cossa de bo.

Ciapemo tuti a benedission de a Madona,
noaltri, i nostri cari, tuto, anca a corona.

Dopo, co i so angei custodi, e portando a pase,
a me compagna ea, l so e nostre case.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale italiana più letti

» Biografia Salvatore Sini soprannominato Badore
» Trilussa: "la lucciola"
» Vincenzo Pagano Addio mar
» SALVATORE DI GIACOMO 3 pubblicazioni nella sezione italia del sud
» Antonio Guerra Biografia
Gli ultimi Poesia dialettale italiana pubblicati

»
»
» franco sol Monfenera
» Franco I batci
» franco-sensa pensieri
» Vincenzo pagano A sciurara


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Storia di qualsiasi storia d'amore

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9986603
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.