La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 17, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 1865 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
A Diosa

Non potho reposare amore, coro,
pensende a tie so donzi momentu;
no istes in tristura, prenda e oro,
n in dispiaghere o pensamentu.
T'assicuro ch'a tie solu bramo,
ca t'amo forte, t'amo, t'amo, t'amo,

Amore meu, prenda d'istimare,
s'affettu meu a tie solu est dau.
S'are giuttu sas alas a bolare
milli vortas a s'ora ippo volau,
pro venner nessi pro ti saludare,
s'atera cosa nono a t'abbisare.

Si m'esseret possibile d'anghlu,
s'ispiritu invisibile piccavo
sas formas e furavo dae chelu
su sole, sos isteddos e formavo
unu mundu bellissimu pro tene
pro poder dispensare cada bene.

Amore meu, rosa profumada,
amore meu, gravellu olezzante,
amore, coro, immagine adorada.
Amore, coro, so ispasimante,
amore, ses su sole relughente,
ch'ispuntat su manzanu in oriente.

Ses su sole ch'illuminat a mie,
chi m'esaltat su coro e i sa mente;
lizzu vroridu, candidu che nie,
semper in coro meu ses presente.
Amore meu, amore meu, amore,
vive senz'amargura, n dolore.

Si sa lughe d'isteddos e de sole,
si su bene chi vest in s'universu
are pothiu piccare in d'una mole,
comente palumbaru m'ippo immersu
in fundu de su mare a regalare
a tie vida, sole, terra e mare.

Unu ritrattu s'essere pintore,
un'istatua 'e marmu ti vachia
sessere istadu eccellente iscultore,
ma cun dolore naro: "Non d'ischia".
Ma non balen a nudda marmu e tela
in cunfrontu 'e s'amore d'oro vela.

Ti cherio abbrazzare eghe basare
pro ti versare s'anima in su coro;
ma da lontanu ti deppo adorare.
Pessande chi m'istimas mi ristoro,
chi de sa vida nostra tela e tramas
han sa matessi sorte prite m'amas.

Sa bellesa 'e tramontos, de manzanu
s'alba, aurora, su sole lughente,
sos profumos, sos cantos de veranu,
sos zeffiros, sa brezza relughente
de su mare, s'azzurru de su chelu,
sas menzus cosas d a tie, anghlu.

[segue la risposta di Diosa]

Si tue non bi podes riposare,
non riposat Diosa, amore, coro.
Frequente mi ponzo a lacrimare
pessande ch'est luntanu su ch'adoro.
Ite m'importat chi brames a mie
si non ti tenzo a curzu rie rie?

Inutil'est s'affettu e i s'amore
da chi mill'annos ti restas lontanu.
S'ares provadu su meu dolore
non t'avio bramadu gosi invanu.
Non podende volare, veni in trenu,
a pede, o curre a caddu senza frenu.

Gravellu meu, Diosu istimadu,
s'anghelu veru, sole, isteddos, luna
ses tue, coro, s'universu amadu;
atera non disizo cos'alcuna.
Su veru, unicu bene ses Diosu,
chi mi vaches provare cada gosu.

Su veru bene, coro, tenzo in sinu
e s anima sesaltad e sa mente
pessande a sisplendore 'e su divinu
amore, veru sole d'oriente.
Si tue, coro, ses ispasimante,
Diosa, crede, ch'est agonizzante.

Non potho biver, no, senz'amargura,
luntanu dae tene, amadu coro.
A nudda vale sa bella natura
si nst a curzu su caru tesoro,
pro mi dare cossolu, are recreu
coro, Diosu, amadu prus de Deu.

Tue ses astru, sole, s'universu,
chi m'has donadu a mie cada bene,
cando s'ispada in coro m'has immersu
tinta de samben d'amore de tene.
Pius de s'universu vales tue:
veni, Diosu non restes in cue.

D'unu pintore unu ritrattu bellu,
d'un'istatua 'e marmu verdadera,
de sos profumos de rosa o gravellu,
nudda m'importat de sa primavera,
bastet s'amore cunserves a mie,
coro, candidu lizu prus de nie.

A mie pros setemu ses unidu.
Ti cherio cuvare intr'e campna
n modu chi nessunu t'aret bidu.
Veni mi vasa, su coro mi sana,
veni, t'aspetto, a die, notte, onzora;
veni, Diosu, veni, mi ristora.

Non mi importat tramontos, luche die,
n terra, o mare, n astros de chelu,
da chi tue su coro has dadu a mie,
ch'has divinu isplendore prus d'anghlu.
Como, Diosu, cun s'idrovolante
vola, m'abbraza e mi vasa a sistante.

Traduzione:
Non posso riposare,cuore mio,
Sto pensando a te ogni momento
Non essere triste, gioia d'oro,
Ne addolorata o preoccupata
Ti assicuro che desidero solo te,
Perch ti amo forte ti amo ti amo ti amo

Amore mio, tesoro da voler bene,
il mio affetto riservato a te.
Se avessi avuto le ali per volare,
sarei volato da te mille volte:
sarei venuto almeno per salutarti
o anche soltanto per vederti appena.

Se mi fosse possibile prenderei
Lo spirito invisibile dellangelo
E le sue forme
Ruberei dal cielo il sole e le stelle
E creerei per te un mondo bellissimo
Per poterti regalare ogni bene.

Amore mio, rosa profumata,
amore mio, garofano odoroso,
amore, cuore, immagine adorata,
amore, cuore, io spasimo per te,
amore,sei il sole lucente che spunta la mattina in oriente.

Sei il sole che mi illumina
e mi esalta il cuore e la mente
giglio in fiore, candido come la neve,
sei sempre presente al mio cuore.
Amore mio, amore mio, amore:
possa tu vivere senza amarezza e dolore.

Se avessi potuto prendere tutto in una volta
la luce delle stelle e del sole
e il bene dell'universo,
mi sarei immerso come un palombaro
in fondo al mare per donarti vita,
sole, terra e mare.

Se fossi pittore ti farei un ritratto,
se fossi stato un eccellente scultore ti avrei fatto una statua di marmo.
Invece dico con dolore:
"non ne sono capace".
Ma il marmo e la tela nulla contano in confronto alla vela d'oro dellamore.

Vorrei abbracciarti e baciarti
per versare la mia anima nel tuo cuore.
Ma debbo venerarti da lontano.
Il pensiero del tuo amore mi conforta,
tela e trame della nostra vita
hanno lo stesso destino in virt del tuo amore.

La bellezza dei tramonti, la prima alba.
Laurora, il sole splendente, i profumi,
i canti della primavera, gli zefiri,
la brezza che fa splendere il mare.
L'azzurro del cielo, le cose migliori ti dono,mio angelo.

[risposta di Diosa]
Se tu non puoi riposare,
nemmeno la tua Dosa riposa, amore e cuore mio
Spesso inizio a piangere
pensando che lontano colui che adoro.
Cosa mi importa che tu mi desideri ardentemente
se non mi puoi sorridere da vicino?

Sono inutili l'affetto e l'amore
se tu sei lontano da millenni.
Se tu avessi sofferto il mio dolore
non ti avrei desiderato cos, invano.
Non potendo volare,vieni in treno,
a piedi, oppure corri a briglia sciolta su un cavallo.

Garofano mio, mio adorato,
sei tu il mio vero angelo,il sole, le stelle, la luna,
l'universo amato;
non desidero nient'altro.
Il vero, unico bene sei tu, adorato
che mi fai provare ogni felicit.

Ho in seno il vero bene,
e l'anima e la mente si esaltano
pensando a questo amore divino, vero sole d'oriente.
Se tu, amore, spasimi per me,
ti giuro che la tua Diosa sul punto di morire.

Non posso certo vivere senza amarezza
essendo lontana da te, cuore amato
A nulla servono le bellezze della natura
se il caro tesoro troppo lontano
per darmi consolazione e gioia,
mio cuore, Diosu, amato pi di Dio.

Tu sei la stella, il sole, l'universo
mi hai donato ogni bene quando mi hai immerso nel cuore
la spada tinta del sangue del tuo amore.
Tu vali pi dell'universo:
vieni, Diosu, non rimaner l.

Del bel ritratto di un pittore,
di una statua di marmo meravigliosa
dei profumi della rosa e del garofano,
della primavera, nulla m'importa:
mi basta soltanto che mi conservi il tuo amore,
cuore mio, giglio candido pi della neve.

Tu sei unito a me per l'eternit,
vorrei nasconderti in una campana,
in modo che nessuno ti vedesse.
Vieni, baciami, guarisci il mio cuore
Vieni, ti attendo: di giorno, di notte, in ogni momento;
vieni, Diosu, vieni, ristorami.

Non m'importa di tramonti, luce del giorno,
ne' della terra o del mare, ne' degli astri del cielo,
dal momento che tu, che splendi in maniera divina pi di un angelo,
mi hai dato il tuo cuore.
Suvvia, Dosu, vola con l'idrovolante,
abbracciami e baciami subito.

Badore Sini



INFO: Questo poemetto stato scritto negli anni '20 dall'avvocato Badore Sini
e fu musicato da G. Rachel, direttore della banda musicale di Nuoro.
E'conosciuto soprattutto col nome "Non potho reposare" grazie anche all'omonima
canzone dei Tazenda che utilizza appunto alcune strofe di questo componimento.








(Testo inviato da Anna)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Tot - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto FELICITA!
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Antonio De Curtis Toto NCANTESIMO
» Franco Battiato STRANIZZA D AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» A vita 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te
» Pagano Da fenesta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La piramide pi spigolosa del solito; anche se dalla finestrella ti affacci sorridente, come non si pente la maestra dasilo, rimango a lagnarmi dal basso. Il cane che aspetta losso. Ma il tondo annuncio arriva a sera,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9973293
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.