La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 10, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 2743 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Favola di Fedro
Versione Napoletana

LA VOLPE E IL CORVO

Per capire 'a furbizia d'a volpe bisogna conoscere questa favola.

Un corvo nero e alquanto bruttarello aveva rubato a coppa a na fenesta nu belle piezzo e furmaggio e
cuoncio cuoncio (piano piano) se n'era volato su di un albero per strafogarlo.
'Na volpe aveva assistito a tutta sta scena, penso' bene do' 'mprufuma' nu poco lodarlo.
Ma quante si bello, o corvo, ma tu si bello 'o vero, o corvo,
chi ccchiu' belle e te se trucca 'o corvo,
e che belle penne nere che tieni , so belle 'o vero, me sembrano e vellute sti penne,
ma che ce passe ' a crumatina, o corvo?
Ma comme so nere sti penne , me sembrano e capille e Maria Nazionale, o corvo.
Che peccato che nun tieni na' bella voce comme a Maria Nazionale.
Si a voce toia fosse comme e penne tu fusse o rre e tutti gli uccelli,
tu fusse 'o Sergio Bruni d'e cantante, altro che cardille e usignuolo.
Il corvo vanitoso si sent lusingato dalle parole della volpe e,
non resistendo alla tentazione di far sentire la sua voce, arapette ' a vocca.
'O piezz e furmaggio gli cadde e 'a volpe prendendolo al volo se lo papp con delizia.

Morale della favola:
a femmena bruttulella che se sente lodata , spisse po' se ne pente , pecch si accorge che l'ommo vuleva 'na cosa sola.....o piezze e furmaggio!


 Commenti degli utenti

Pubblicato da pulcinella 291 il April 05, 2014
vi sarei grato se citasse la fonte:Le stronzate di pulcinella. Grazie
Di solito quando si copia si fa cosi'



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Tot - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto FELICITA!
» Antonio De Curtis Toto NCANTESIMO
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Franco Battiato STRANIZZA D AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» Maria D'Ambra - Na mo terra e cu Vui
» A vita 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Inventa qualcosa. non so, vedi non mi ami.... ....e si lasciano, tristissimi, mentre i topi li guardano incuriositi,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6629
Autori registrati
3144
Totali visite
11755347
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.