La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 10, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 2436 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Favola di Fedro
Versione Napoletana

LA VOLPE E IL CORVO

Per capire 'a furbizia d'a volpe bisogna conoscere questa favola.

Un corvo nero e alquanto bruttarello aveva rubato a coppa a na fenesta nu belle piezzo e furmaggio e
cuoncio cuoncio (piano piano) se n'era volato su di un albero per strafogarlo.
'Na volpe aveva assistito a tutta sta scena, penso' bene do' 'mprufuma' nu poco lodarlo.
Ma quante si bello, o corvo, ma tu si bello 'o vero, o corvo,
chi ccchiu' belle e te se trucca 'o corvo,
e che belle penne nere che tieni , so belle 'o vero, me sembrano e vellute sti penne,
ma che ce passe ' a crumatina, o corvo?
Ma comme so nere sti penne , me sembrano e capille e Maria Nazionale, o corvo.
Che peccato che nun tieni na' bella voce comme a Maria Nazionale.
Si a voce toia fosse comme e penne tu fusse o rre e tutti gli uccelli,
tu fusse 'o Sergio Bruni d'e cantante, altro che cardille e usignuolo.
Il corvo vanitoso si sent lusingato dalle parole della volpe e,
non resistendo alla tentazione di far sentire la sua voce, arapette ' a vocca.
'O piezz e furmaggio gli cadde e 'a volpe prendendolo al volo se lo papp con delizia.

Morale della favola:
a femmena bruttulella che se sente lodata , spisse po' se ne pente , pecch si accorge che l'ommo vuleva 'na cosa sola.....o piezze e furmaggio!


 Commenti degli utenti

Pubblicato da pulcinella 291 il April 05, 2014
vi sarei grato se citasse la fonte:Le stronzate di pulcinella. Grazie
Di solito quando si copia si fa cosi'



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Tot - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto FELICITA!
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Antonio De Curtis Toto NCANTESIMO
» Franco Battiato STRANIZZA D AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» A vita 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te
» Pagano Da fenesta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
LA PRESUNZIONE DI GELLIA Mentre il gran nome degli avi e dei proavi ti escono sempre di bocca e me cavaliere rifiuti, come umiliante partito, mentre dichiari di poter sposare solo chi il laticlavio indossi, Gellia, in matrimonio ti unisci

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9977703
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.