La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 21, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 935 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
ADDORE ANTICO

Quanno mamma me purtava "fore" a mtere lu grano
Se sntia pe le campagne tutt'attuorno lu canto Cilentano
Arrivava poi u mumento re trebbi
e vicino a trebbia tanta gente a festeggi
se sentia addore re patane e baccal
e tutti quanti a stessa tavola a mangi
cu u grano 'ngoppa i ciucci se turnava stanchi e cuntienti
pe chera ricchezza ca c'avia mannata a terra re u Ciliento
Oggi u grano a i Terzerie nun se vere
C' 'nvece a gente ca va alle ffabbriche a faticare
Int'a le ffabbriche se sente u suono ra catena
Ma nun bello come na cantata cilentana
Tutt'attuorno a i machine otto ore a fatic
Ma nun' c' festa come u iorno re trebbi
Nun se sente addore antico re i patane
Ma nato addore ca se spanne pe le chiane

Giovanni CAPO

TRADUZIONE

Odore Antico

Quando mamma mi portava in campagna a mietere il grano
per tutta la campagnasi si sentiva il canto cilentano
Arrivava poi il momento della trebbiatura
e attorno alla trebbia cera tanta gente a festeggiare
Si sentiva odore di patate e baccal
e si mangiava tutti intorno alla stessa tavola.
Con i sacchi di grano sugli asini si ritornava
alle nostre case stanchi ma contenti
per quella ricchezza che ci aveva mandato la terra del Cilento.
Oggi il grano alle Terzerie non si vede
c invece la gente che va a lavorare in fabbrica
dentro la fabbrica si sente il suono della catena
ma non bello come una cantata cilentana
tutti intorno alle macchine,otto ore a lavorare
ma non c festa come il giorno della trebbiatura
non si sente pi lantico odore delle patate
ma un altro odore che si diffonde per la piana.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Tot - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto FELICITA!
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Antonio De Curtis Toto NCANTESIMO
» Franco Battiato STRANIZZA D AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» A vita 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te
» Pagano Da fenesta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
L'ESTREMO SALUTO AD AFRO Afro, a te tornato dalle trib di Libia ho voluto per cinque giorni uno dietro l'altro recarti il mio saluto. Non libero o Dorme - mi hanno detto, tornato a casa tua due o tre volte - Ma ora basta: Afro, tu non vuoi

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9973713
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.