La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: marzo 26, 2018 | Da: Maria D'Ambra
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 486 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Maria D'Ambra

Na mo terra e cu Vui




UNN E SCRITTU?


Unn scrittu
ca nta riti ogni sira a cascari
comu minimu u Campiellu?

E Bistemmia
fari vrazzu di ferru cu lu Cristu.

Unn scrittu
ca si vardu na scarpa vecchia e chianciu
sintennimi scicata comu a idda
a curpa du Signuruzzu beddu?

Non po Narcisu
grpiri lu paccu
sputaricci di supra
e rimannarlu n-celu drittu drittu.

Rubbari li chiavi a Petru
pi trasiri di straforu nun si po,
scippari lali a lancili
pi scialarisilla cch santuzzi
nun si po.











DOV SCRITTO

Dove sta scritto
che ogni sera deve cadere nella rete
come minimo il Campiello?

una bestemmia
fare il braccio di ferro con Ges.

Dove scritto
che se guardo una scarpa vecchia e piango
vedendomi a brandelli come quella
la colpa del nostro amato Dio?

No, Narciso non pu
aprire il pacco,
sputarci sopra
e rinviarlo al cielo dritto dritto.

Non pu rubare le chiavi a Pietro
Per entrare nel cielo di soppiatto,
strappare le ali agli angeli
per spassarsela con i santi
non si pu.








FAMMI PAPARA



Senti, Amuri miu, annachiti
di pidocchiu fammi addivintari papuzza.

Quaquaqua
staiu divintannu papara.
E sia, si Vossia mi voli pi forza armali.

Ma si mi facissi cucca?
Putissi fari perdiri la testa
a cu non lavi
e putissi cuminciari a furriari comu nanimulu.

Amuri miu fatti cunsigghiari:
arricogghimi o fammi papara capaci di civittiari.










TRASFORMAMI IN PAPERA

Senti, Amore mio,datti una mossa
e da pidocchio fammi coccinella.

Quaquaqua

Sto diventando papera.
E sia se Vossignoria
mi vuole a tutti costi un animale.

Se facessi di me una civetta?
Io potrei far perdere la testa
anche a chi non ce lha
e potrei come arcolaio cominciare a girare.

Amor mio, permettimi un consiglio:
portami via o fammi papera capace di civettare.









A BALIA SPIRANZA


Unn a balia?
Mi lassau sula
e di lu so petto
non sucu cchi spiranza.

Unn chidda cagghica e ti cunorta
ora cu labbagliu dun ternu siccu siccu,
ora cu snnira allampa e stampa
ca ogni furmicula putissi addivintari nomu?

I vasuneddi da balia
linghevanu di sensu a naca-vita
e li so nnormi facivanu scappari
scursuni e lupi.

Ah ...dda ? A signura spiranza
Macch signura... Una di chiddi...
si prima ti teni strittu ntra li vrazza
e poi ti jetta dintra un puzzu
ppi curriri a cantaricci aleav
a tutti li citroli di la terra.





LA BALIA SPERANZA


Dov la balia?
Mi ha lasciata sola
e dal suo seno
non succhio pi speranza.

Dov quella che arriva e ti conforta
ora con labbaglio di un terno secco
ora con sogni come lampi al magnesio
che ogni formica possa diventare uomo?

I dolci baci della balia
colmavano di senso la culla- vita,
le sue moine mettevano in fuga
lupi e serpenti.

Dov andata a finire la signora speranza
Macch signora una di quelle
se prima ti tiene stretta tra le braccia
poi ti getta in un pozzo
per correre a cantare la ninnananna
a tutti gli imbecilli della terra.







SI CANTA GIUDA


Non mi diciti di ballari la lambada
pirch si canta Giuda u sonu ca magghica di lupara.
Nun mi diciti dannacarimi
ppi futtirimi lovu e la jaddina
pirch la panza mi la vogghiu linchiri senza sbranari.
Nun mi diciti di chiamari pintuti li crasti
ca ci abbrivisci a memoria
e giustizia nun chiamu
la morti dun figghiu nnuccenti ca sammazza.
Dicitimi cchiuttosto: <>
e dicitimi ancora:< N celu a so vulunt si fa
e a to macari>>.




















SE CANTA GIUDA


Non ditemi di ballare la lambada
perch se canta giuda
mi giunge solo un suono di lupara.
Non ditemi di ancheggiare
per ammazzare luovo e la gallina
perch voglio saziarmi senza sbranare.
Non ditemi di chiamare pentiti i bastardi
che ritrovano la memoria.
E non diamo giustizia
la morte di un figlio innocente.
piuttosto ditemi:<>.
In cielo si fa la sua volont
e anche la tua.






























PRIVILIGGIATA SUGNU



Si acceliro e frenu
ccu rusariu coddu
postu d cullana
non sugnu nsalanuta
e si nto ciriveddu mi fici tatuari
tanti angileddi e no cori a Madunuzza
non sugnu scattiata, ma priviliggiata.
A fidi a tegnu a vista
e senza sbafari dugnu
mentri c cu ammuccia macari li miraculi
e si teni stritta macari la munnizza.
Priviliggiata sugnu:
ju senza roba maddivertu ccu na parabula
e mi scialu ccu la storia di Giuseppe e Maria,
iddu cupertu doro chianci
pirch non po sbrizziari brillanti
e sciancatu pritenni dabballari.
















SONO PRIVILEGGIATA



Se accelero e freno
con il rosario al collo
al posto della collana,
non sono folle
e se nel cervello
mi son fatto tatuare
tanti angioletti
e nel cuore una madonnina
non sono pazza ma privilegiata.
Tengo gli occhi sempre rivolti alla fede
e senza ingozzarmi, so dare
mentre c chi nasconde i miracoli
e mette in serbo anche la spazzatura.
Sono privilegiata:
priva di averi mi allieto con una parabola
e mi scialo con la storia di Giuseppe e Maria,
lavaro coperto doro piange
perch non pu spruzzare brillanti
e pur essendo zoppo pretende di danzare.










U FAZZU PURPETTA

Si cascu a tumma ntra la munnizza
mi cuntu i bummili mi tiru li capiddi
sacciu ca a curpa di lu so forchittuni.
Si mi scutolu la virgogna
e tornu a bazzicari cu la Santa Brigata
sugnu sicura ca lapplausu va a Cristu.
Si marritrovu a quattru pedi
cu lacqua davanti e lu ventu darreri
intra na caterva di chistu non si fa
sacciu ca pi li corna thaiu acchiappari
e o tiru a piatteddu thaiu a fari abballari.
Si inveci darricugghirimi i pupi
nesciu di sutta a un camion
pirch allangileddu bonu ci fici simpatia.
Cu tutti sti cirtizzi
mavissa timbuliari
tutti li voti ca mi sciogghiu i trizzi
aspittannu o balcuni u diavuli ca mi veni a cortiggiari.
Sciancata mappoju a lu Spiritu Santu
quannu lu diavuluni mi scippa lu bastuni.
Nun cadu e comu na scattiata
vanniu o munnu sanu
ca stavota u fazzu purpetta.











LO FACCIO POLPETTA

A capofitto dentro un cassonetto
conto i bernoccoli, mi strappo i capelli
so che la colpa del suo forcone.
Se scuoto la vergogna
e torno a bazzicare con la Santa brigata
sono certa che lapplauso va a Cristo.
Se mi ritrovo carponi
-acqua davanti e vento di dietro-
tra una caterva di divieti
io so bene che per le corna ti devo afferrare
e al tiro al piattello devo farti ballare.
Se invece di chiudere bottega
scampo ad un pericolo mortale,
langelo custode mi ha voluto bene.
Con tutte queste certezze
dovrei prendermi a schiaffi
ogni volta che sciolgo le mie trecce
aspettando al balcone il diavolo che mi viene
a corteggiare.
Claudicante mi appoggio allo Spirito Santo
quando linfamia mi strappa il bastone.
Non cado, ma come forsennata
grido al mondo intero
che questa volta lo riduco in polpetta.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Tot - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto FELICITA!
» Antonio De Curtis Toto NCANTESIMO
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Franco Battiato STRANIZZA D AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» Maria D'Ambra - Na mo terra e cu Vui
» A vita 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
I SOSPETTI DI POLLA Polla ha sguinzagliato dei servi che sorveglino il marito, ma essa per s non ne vuol punti. Questo equivale, o Polla,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6643
Autori registrati
3161
Totali visite
12256157
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.