La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 17, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 2762 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
'O GUARRACINO
Tarantella Napoletana

Anonimo del 800

Lo Guarracino che jeva pe mare
le venne voglia de se 'nzorare,
se facette no bello vestito
de scarde de spine pulito pulito
cu na perucca tutta 'ngrifata
de ziarelle 'mbrasciolata,
co lo sciab, scolla e puzine
de ponte angrese fine fine.

Cu li cazune de rezze de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno,
e sciammeria e sciammereino
d'aleche e pile de voje marino,
co buttune e bottunera
d'uocchie de purpe, secce e fera,
fibbia, spata e schiocche 'ndorate
de niro de secce e fele d'achiate.

Doje belle cateniglie
de premmone de conchiglie,
no cappiello aggallonato
de codarino d'aluzzo salato,
tutto posema e steratiello,
e gerava da cc e da ll;
la 'nnammorata pe se trov!

La Sardella a lo barcone
steva sonanno lo calascione;
e a suono de trommetta
ieva cantanno st'arietta:
"E llar lo mare e lena
e la figlia da si Lena
ha lasciato lo nnamorato
pecch niente l ha rialato".

Lo Guarracino 'nche la guardaje
de la Sardella se 'nnamoraje;
se ne jette da na Vavosa
la cchi vecchia maleziosa;
l'ebbe bona rialata
pe mannarle la mmasciata:
la Vavosa pisse pisse
chiatto e tunno nce lo disse.

La Sardella 'nch'a sentette
rossa rossa se facette,
pe lo scuorno che se pigliaje
sotto a no scuoglio se 'mpizzaje;
ma la vecchia de vava Alosa
sabeto disse: "Ah schefenzosa!
De sta manera non truove partito
'ncanna te resta lo marito.

Se aje voglia de t'alloc
tanta smorfie nonaje da fa;
fora le zeze e fora lo scuorno,
anema e core e faccia de cuorno".
Ci sentenno la si Sardella
s'affacciaje a la fenestrella,
fece n'uocchio a zennariello
a lo speruto 'nnammoratiello.

Ma la Patella che steva de posta
la chiammaje faccia tosta,
tradetora, sbrevognata,
senza parola, male nata,
ch'avea 'nchiantato l'Alletterato
primmo e antico 'nnamorato;
de carrera da chisto jette
e ogne cosa 'lle dicette.

Quanno lo 'ntise lo poveriello
se lo pigliaje Farfariello;
jette a la casa e s'armaje e rasulo,
se carrecaje comm'a no mulo
de scopette e de spingarde,
povere, palle, stoppa e scarde;
quattro pistole e tre bajonette
dint'a la sacca se mettette.

'Ncopp'a li spalle sittanta pistune,
ottanta mbomme e novanta cannune;
e comm'a guappo Pallarino
jeva trovanno lo Guarracino;
la disgrazia a chisto portaje
che mmiezo a la chiazza te lo 'ncontraje:
se l'afferra po crovattino
e po lle dice: "Ah malandrino!
Tu me lieve la 'nnammorata
e pigliatella sta mazziata".
Tuffete e taffete a meliune
le deva paccare e secuzzune,
schiaffe, ponie e perepesse,
scoppolune, fecozze e conesse,
scerevecchiune e sicutennosse
e ll'ammacca osse e pilosse.

Venimmoncenne ch'a lo rommore
pariente e amice ascettero fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle,
chiste co barre e chille co spite,
chi co ammennole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
chi co torrone e sosamielle.

Patre, figlie, marite e mogliere
s'azzuffajeno comm'a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce
Che bediste de sarde e d'alose!
De palaje e raje petrose!
Sarache, dientece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!

Pisce palumme e pescatrice,
scuorfene, cernie e alice,
mucchie, ricciole, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune,
merluzze, ruongole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, auglie e arenghe,
ciefere, cuocce, traccene e tenghe.

Treglie, tremmole, trotte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce prattielle,
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, ostreche e ancine,

vongole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, marmure e vavose,
vope prene, vedove e spose,
spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scauze, nzuoccole e co le scarpe,
sconciglie, gammere e ragoste,
vennero nfino co le poste,

capitune, saure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d'ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiu tante e tantone!
Quanta botte, mamma mia!
Che se devano, arrassosia!
A centenare le barrate!
A meliune le petrate!

Muorze e pizzeche a beliune!
A delluvio li secozzune!
Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogne luoco!
Tt, tt, tt, cc pistulate!
Tt, tt, tt, cc scoppettate!
Tt, tt, tt, cc li pistune!
Bu, bu, bu, ll li cannune!

Ma de cant so gi stracquato
e me manca mo lo sciato;
sicch dateme licienzia,
graziosa e bella audenzia,
nfi che sorchio na meza de seje,
co salute de luje e de leje,
ca se secca lo cannarone.

Traduzione Italiano

Al coracino (pesce scuro e brutto) che girava per mare
venne il desiderio di prender moglie.
Si mise un bel vestito
di pezzi di spine, pulito pulito (cio molto decoroso),
Con una parrucca tutta agghindata
con nastrini arrotolati,
con la gala, lo scollo ed polsini
ricamati di fino con punto inglese.

Con i calzoni fatti con reti di fondo,
scarpe e calze di pelle di tonno
e giacca e giacchettino
dalghe e peli di bue marino (cio foca monaca),
con bottoni e bottoniera
di occhi di polipi, seppie e belve;
fibbie, spada e fiocchi dorati
con nero di seppia e fiele docchiata,

due belle catenine
di polmoni di conchiglie,
un cappello gallonato
con codine di alici salate.
Tutto impettito e ben stirato
faceva lo sbruffoncello,
girava di qua e di l
per trovarsi la fidanzata.

La Sardella al balcone
stava suonando il calascione
e a suono di trombetta
cantarellava questa arietta:
E larella il mare e la fretta
e la figlia della signora Lena
lasciato il fidanzato
perch niente gli regalato!

Il guarracino che la guard
della sardella si innammor,
se ne and dalla bavosa,
la pi vecchia mezzana maliziosa.
Le diede una buona mancia
per mandare un messaggio alla sardella.
La bavosa pisse pisse (cio sottovoce),
grasso e tondo (cio chiaramente), glielo disse.

Nel sentirla, la sardella
arross moltissimo
e per la vergogna che la prese
sotto uno scoglio si infil.
Ma la vecchia bavosa
sbito disse: Ah schifiltosa,
in questa maniera non troverai un partito,
in gola ti resta il marito!

Se i voglia di collocarti,
tante smorfie non devi fare:
metti via moine e timidezza,
[tira fuori] anima, cuore e faccia tosta!
Ci sentendo, la signora Sardella
saffacci alla finestrina
fece gli occhi dolci
allingolosito innamoratello.

Ma la patella, che stava appostata a seguire la scena,
la chiam faccia tosta,
traditrice, svergognata,
senza parola e malnata,
giacch aveva piantato il Letterato,
primo ed antico fidanzato
Di corsa da questo and
e ogni cosa gli disse.

Quando la sent il poveretto
divent indemoniato
and a casa, sarm di rasoio,
si caric come un mulo
di schioppi, di spingarde,
polvere, palle, stoppa e schegge,
quattro pistole e tre baionette
in tasca si mise.

Sulle spalle settanta colubrine,
ottanta bombe e novanta cannoni
e come un Paladino guappo
andava in cerca del Coracino.
La sfortuna di costui fu
che in mezzo la piazza lo incontr;
lafferr per il colletto
e gli dice: Ah malandrino

tu mi rubi la fidanzata
e prenditela questa bastonatura!
Tuffete taffete a milioni
gli dava sberle e pugni sotto il mento,
schiaffi, pugni, colpi in testa
colpi sul collo, pugni con il pollice proteso, colpi sulla nuca
scapaccioni e colpi di verga
e gli pesta ossa e cartilagini!

Veniamo a noi: al rumore
parenti e amici saltaron fuori
chi con mazze, coltelli e coltelle da macellaio,
chi con spade, spadone e spadini
quello con una mazza, questo con spiedo
chi con mandorle e chi con nocciole infornate
chi con tenaglie chi con martelli
chi con torroni e ceppi per i piedi!

Padri, figli, mariti e mogli
sazzuffarono come belve
a milioni accorrevano a frotte
pesci di questa fazione e di quella!
Quante ne vedesti di sarde e di alose
di palamiti e raje pietrose
saraghi dentici e occhiate
sgombri tonni e letterati

pesci palombo e pescatrici
scorfani, cernie ed alici
mucchi, ricciole mozzelle e mazzoni
stelle, alici salate e storioni,
merluzzi, vongole e murene,
capodogli, orche e balene,
capitoni, aguglie ed aringhe,
cefali, cocci, trcine e tinche,

triglie, tremmole, trotte e tonni
fichi, cipolle, allorini e rotondi,
polipi, seppie, e calamari
pesci spada e stelle di mare,
pesci palombo e pesci martello,
boccadoro e bianchetti,
testa di chiodo e guarracini
cannolicchi, ostriche e ricci di mare,

vongole, cocciole e patelle
pescecani e granchietti
marvizzi, marmore e bavose
vope pregne, vedove e spose
spnole spunole serpi e sarpe
scalze con zoccoli o con scarpe
paguri, gamberi ed aragoste
vennero perfino con le diligenze!

Capitoni, sauri ed anguille,
pesci grossi o piccini
dogni ceto e nazione
piccoli, grandi, pi grandi e grandissimi ( cio di tutte le taglie!)
Quante botte oh mamma mia
che si davano e lontano sia!
A centinaia le nazzate
a milioni le pietrate,

morsi e pizzichi a bilioni,
a diluvio i pugni sotto il mento;
non vi dico che vivo fuoco
si faceva per ogni luogo!
Tettett qua pistolettate
tattatt l schioppettate
tuttutt qua le colubrine
bubbubb l i cannoni!

Ma di cantare sono gi stanco
ed ora mi manca il fiato
perci concedetemi licenza
oh grazioso e bel pubblico
fino a che beva un quartino (la mezza di sei appunto un quartino di vino dal costo di tre calli cio della met di sei)
alla salute di lui e di lei
altrimenti mi si secca il gargarozzo
svuotandosi il polmone!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Tot - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto FELICITA!
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Antonio De Curtis Toto NCANTESIMO
» Franco Battiato STRANIZZA D AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» A vita 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te
» Pagano Da fenesta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Per dove passi tu, Gellia, ci pare che il profumiere Cosmo traslochi e che si sparga cannella versata da flaconi di vetro. Non compiacerti, o Gellia,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9990558
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.