La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 30, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 4010 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Salvatore Di Giacomo

Lariulà
(1888)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P.M. Costa

— Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato,
quanto t’aggio stimato a tiempo antico!
Tienete ‘o muccaturo arricamato,
tutta sta rrobba mia t’ ‘a benedico...

— Quanto si’ bello e quanto si’ curtese!
Io t’era indifferente e mo se vede;
tecchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese,
fussero accise ll’uommene e chi ‘e ccrede!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L’ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!

— E quanno è chesto, siente che te dico:
io faccio ‘ammore cu na farenara;
tene nu magazzino, ‘mt’ a stu vico,
ll’uocchie che tene so’ na cosa rara!

— E quanno è chesto, i’ pure faccio ‘ammore,
e a n’ato ninno mo tengo ‘o penziere;
s’ereno date a ffuoco anema e core;
mme so’ raccumannata a nu pumplere...

ah, lariulà!
— l'ammore s’è scetato,
guarda... e ride, oi’ lariulà!

- Ah, vocca rossa comme a nu granato!
chi ‘o ssape ‘o tiempo antico si è fernuto?...
Chello ch’è certo è ch’io sto ntussecato,
o sapore d”o pane aggiu perduto!...

— Si’ stato sempe bello e ntussecuso,
pure, siente, vide che te dico,
nun me mporta ca si’ furiuso,
oglio campà cu te, muri cu ttico!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L'ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Totò - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto’ FELICITA’!
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Antonio De Curtis Toto’ NCANTESIMO
» Franco Battiato STRANIZZA D’ AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» A vita è 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te
» Pagano Da fenesta


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Canti festosi Sostituirono il lamento Che mi portavo dentro... Avevo Lei Innanzi ai miei occhi: Anna. Raggiante, luminescenza naturale vedevo in lei:

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6543
» Autori registrati
3082
» Totali visite
10006384
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.