La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 30, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia dialettale sud Italia e isole | Totali visite: 5223 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Salvatore Di Giacomo

Lariulà
(1888)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P.M. Costa

— Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato,
quanto t’aggio stimato a tiempo antico!
Tienete ‘o muccaturo arricamato,
tutta sta rrobba mia t’ ‘a benedico...

— Quanto si’ bello e quanto si’ curtese!
Io t’era indifferente e mo se vede;
tecchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese,
fussero accise ll’uommene e chi ‘e ccrede!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L’ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!

— E quanno è chesto, siente che te dico:
io faccio ‘ammore cu na farenara;
tene nu magazzino, ‘mt’ a stu vico,
ll’uocchie che tene so’ na cosa rara!

— E quanno è chesto, i’ pure faccio ‘ammore,
e a n’ato ninno mo tengo ‘o penziere;
s’ereno date a ffuoco anema e core;
mme so’ raccumannata a nu pumplere...

ah, lariulà!
— l'ammore s’è scetato,
guarda... e ride, oi’ lariulà!

- Ah, vocca rossa comme a nu granato!
chi ‘o ssape ‘o tiempo antico si è fernuto?...
Chello ch’è certo è ch’io sto ntussecato,
o sapore d”o pane aggiu perduto!...

— Si’ stato sempe bello e ntussecuso,
pure, siente, vide che te dico,
nun me mporta ca si’ furiuso,
oglio campà cu te, muri cu ttico!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L'ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia dialettale sud Italia e isole più letti

» Totò - Antonio De Curtis RICUNUSCENZA
» Antonio De Curtis Toto’ FELICITA’!
» Antonio De Curtis Toto’ NCANTESIMO
» Eduardo De Filippo IL COLORE DELLE PAROLE
» Franco Battiato STRANIZZA D’ AMURI
Gli ultimi Poesia dialettale sud Italia e isole pubblicati

» Maria D'Ambra - Na mo terra e cu Vui
» A vita è 'na maschera
» Gino Ragusa Di Romano - Lacrime e sorrisi
» Matteo Cirella - A' malatie
» Gino Ragusa Di Romano - LACRIME E SORRISI
» Luigi Bellotta - Ij scrivo pe' te


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Diva, antiquo splendor del primo cielo, liquida più che mai, più relucente, tempra l'ardor de l'infiammata mente, col notturno, soave e dolce gelo.

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6643
» Autori registrati
3159
» Totali visite
12224360
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.