La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 664 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
No si disperin quelli de lo 'nferno,
po' che n' uscito un che v'era chiavato,
el quale Cecco, ch' cos chiamato,
che vi credea stare in sempiterno.
Ma in tale guisa rivolto il quaderno,
che sempre viver grolificato,
po' che messer Angiolieri scoiato,
che m'afriggea d'estate e di verno.
Muovi, nuovo sonetto, e vanne a Cecco,
a quel che gi dimora a la Badia:
digli che Fortarrigo mezzo secco;
che no si dia nullla maninconia,
ma di tal cibo imbecchi lo suo becco,
ch'e' viver pi ch'Ench ed Elia.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
» Anonimo IO SONO IL LUPO
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» tommaso di ciaula
» Tempo che passa
» VECCHIE CASE
» STELLE
» Primavera
» Mariana-I pensieri miei...


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Lampi al cielo van squarciando della notte il suo tepore... e di notte era quel pianto che giungeva fino al cuore. Ma la pioggia, fredda e forte... venne a farmi compagnia,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6549
Autori registrati
3084
Totali visite
10013639
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.