La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 618 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Quando il grano
indorer la collina
d'altri sar non mia

Tutto si chiude
dentro e fuori di lui
gli occhi e lo stomaco
le braccia strette
attorno alle sue ginocchia
il suo corpo fetale
trema nella notte

Il buio scende
dentro e fuori di lui
la sua disperazione
piccola ed acerba
come una castagna
lanciata nello spazio
cresce espandendosi
fino ad esplodere
come una nova

E lui galleggia
isolato nell'universo
della sua solitudine

Mai pi la sua voce
di sogno
lo trarr dai suoi sogni
per vivere il pi tenero
dei sogni

Mai pi la sua voce
bisbiglier nel mattino
goccia di rugiada
e fruscio di fronda
nel bosco al risveglio
mai pi

E quando lei
dir a lui
che la fine arrivata
lui si svuoter
tutto dentro
e rester solo
una sottile pellicola
a rappresentare
il simulacro della sua
mortale presenza

Mai pi le sue parole
gocce di rugiada
cadranno sul suo cuore arso
sulla sua mente
deserto di silenzio

Ed il suo simulacro
dir di s
che capisce
e le sue labbra vuote
sorrideranno
e la sua mano si poser
leggera
su quella di lei
ma lei non sentir
il suo lieve peso
n vedr il suo sorriso

Perch gi corre lontano
con gli occhi pieni di amore
mentre i suoi capelli
cingono il fulgore
del suo volto
come un'aureola
e sono vivi
e contornano la sua bellezza

Mentre corre
il corpo di cerbiatta
rimpicciolisce
nella sua retina di statua
di sale
ed contento
di essere morto
di non sentire pi nulla
di non avere pi bocca
per urlare il nome di lei
denti per mordere la sua lingua
n occhi da immergere
nel buio inchiostro
della sua notte

E' contento
di non avere pi piedi
da muovere
per correrle dietro
e mani per trattenerla
e voce per implorarla


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
» Anonimo IO SONO IL LUPO
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» tommaso di ciaula
» Tempo che passa
» VECCHIE CASE
» STELLE
» Primavera
» Mariana-I pensieri miei...


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ho rivisto il mare sul punto estremo della terra quello oltre il quale il silenzio della notte e il frastuono del giorno si perdono come un frullo

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9951137
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.