La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 1012 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Lasse, in questo carnasciale
noi abbiam, donne, smarriti
tutt'a sei nostri mariti;
e sanz'essi stiam pur male.
Di Narcetri noi siam tutte,
nostr'arte l'esser forese;
noi cogliemo certe frutte
belle come d il paese;
se c' alcuna s cortese,
c'insegni i mariti nostri;
questi frutti saran vostri,
che son dolci e non fan male.
Cetruoli abbiamo e grossi,
di fuor pur ronchiosi e strani;
paion quasi pien' di cossi,
poi sono apritivi e strani;
e' si piglion con duo mani:
di fuor lieva un po' di buccia,
apri ben la bocca e succia;
chi s'avezza, e' non fa male.
Mellon c' cogli altri insieme
quanto una zucca grossa;
noi serbiam questi per seme,
perch assai nascer ne possa.
Fassi lor la lingua rossa,
l'alie e' pi: e' pare un drago
a vederlo e fiero e vago;
fa paura, non fa male.
Noi abbiam con noi baccelli
lunghi e teneri da ghiotti;
ed abbiamo ancor di quelli
duri e grossi: e' son buon cotti
e da far de' sermagotti;
se la coda in man tu tieni,
su e gi quel guscio meni,
e' minaccia e non fa male.
Queste frutte oggi usanza
che si mangin drieto a cena:
a noi pare un'ignoranza;
a smaltirle poi la pena:
quando la natura piena,
de' bastar: pur fate voi
dell'usarle innanzi o poi;
ma dinanzi non fan male.
Queste frutte, come sono,
se i mariti c'insegnate,
noi ve ne faremo un dono:
noi siam pur di verde etate;
se lor fien persone ingrate,
troverrem qualche altro modo,
che 'l poder non resti sodo:
noi vogliam far carnasciale.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» ISABELLA BASIGLIO - IO SONO IL LUPO
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» E ora che pi non ci sei
» DIVERSO
» First Time
» Luciano D'Agostino - LA VALIGIA
» Luciano D'Agostino - Il FIORE E LA NOTTE
» Le luci della notte


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
77 Per un trascurabile errore ti ho creduto amico. Trascurabile, Rufo? e il prezzo del dolore? Sei scivolato in me bruciandomi le viscere, strappandomi ogni miserabile bene che avevo. Ogni bene, tu che spietato mi avveleni la vita, male incurabile della nostra amicizia.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6755
Autori registrati
3222
Totali visite
14894621
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.