La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 725 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Lasse, in questo carnasciale
noi abbiam, donne, smarriti
tutt'a sei nostri mariti;
e sanz'essi stiam pur male.
Di Narcetri noi siam tutte,
nostr'arte l'esser forese;
noi cogliemo certe frutte
belle come d il paese;
se c' alcuna s cortese,
c'insegni i mariti nostri;
questi frutti saran vostri,
che son dolci e non fan male.
Cetruoli abbiamo e grossi,
di fuor pur ronchiosi e strani;
paion quasi pien' di cossi,
poi sono apritivi e strani;
e' si piglion con duo mani:
di fuor lieva un po' di buccia,
apri ben la bocca e succia;
chi s'avezza, e' non fa male.
Mellon c' cogli altri insieme
quanto una zucca grossa;
noi serbiam questi per seme,
perch assai nascer ne possa.
Fassi lor la lingua rossa,
l'alie e' pi: e' pare un drago
a vederlo e fiero e vago;
fa paura, non fa male.
Noi abbiam con noi baccelli
lunghi e teneri da ghiotti;
ed abbiamo ancor di quelli
duri e grossi: e' son buon cotti
e da far de' sermagotti;
se la coda in man tu tieni,
su e gi quel guscio meni,
e' minaccia e non fa male.
Queste frutte oggi usanza
che si mangin drieto a cena:
a noi pare un'ignoranza;
a smaltirle poi la pena:
quando la natura piena,
de' bastar: pur fate voi
dell'usarle innanzi o poi;
ma dinanzi non fan male.
Queste frutte, come sono,
se i mariti c'insegnate,
noi ve ne faremo un dono:
noi siam pur di verde etate;
se lor fien persone ingrate,
troverrem qualche altro modo,
che 'l poder non resti sodo:
noi vogliam far carnasciale.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
» Dante Alighieri GUIDO, IO VORREI CHE TU LAPO ED IO
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» tommaso di ciaula
» Tempo che passa
» VECCHIE CASE
» STELLE
» Primavera
» Mariana-I pensieri miei...


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Molosso ringhia, o antichi versi italici, ch'io co 'l batter del dito seguo o richiamo i numeri vostri dispersi, come api che al rauco suon del percosso rame ronzando si raccolgono.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6639
Autori registrati
3147
Totali visite
11921206
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.