La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 818 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Canti Carnacialeschi.

Donne, quest' un animal perfetto
a molte cose, e chiamasi 'l zibetto,
E' vien da lungi, d'un paese strano;
sta dov' gemizion over pantano,
in luoghi bassi, e chi 'l tocca con mano,
rade volte ne suole uscir poi netto.
Carne sanz'osso sol gli paion buone,
ma vuolne spesso, e, se pu, gran boccone;
poi duo dita di sotto al codrone,
come udirete, si cava il zibetto.
Hassi una tenta, ch' un terzo lunga,
spuntata acci che drento non lo punga.
caccisi drento, e convien tutta s'unga,
o donne: e' vi parr dolce diletto.
Cos si cava quel dolce licore;
ed cci a chi non piace quell'odore:
egli pur buon, ma il troppo fa fetore
di qualche tanfo a chi lo tien mal netto.
Bisogna al metter drento ben guardare;
il luogo ov' 'l zibetto non scambiare,
ch si potria d'altra cosa imbrattare
la tenta, e fassi male al poveretto.
Chi non ha tenta pigli altro partito;
truova stran' modi, o almeno fa col dito,
e poi lo dnno a fiutare al marito,
se non ha tenta o vien da lui il difetto.
certe volte a trar pericoloso,
perch 'gli ha il tempo suo, e vuol riposo
tre giorni o quattro; pure un voglioloso
non guarda a quello e trae un stran brodetto.
La virt del zibetto, o donne, questa
mettivi il naso, scarica la testa;
della donna del corpo ogni mal resta,
e non c' meglio a chi ha tal difetto.
Chi avessi durezza nelle rene,
la punta della tenta ugnerai bene;
metti ov' il male, e subito ne viene
fuor la caldezza, ed hanne gran diletto.
Di fare ingravidare ha gran virte;
molte altre ancor, ma non ne direm pie;
forse abbiam detto troppo; donne, or se,
provate s'egli ver quel che abbiam detto.
Se ne volete, noi ne vogliam vendere;
del pi vivo che avete convien spendere;
non state dure; e' vi bisogna arrendere,
e menar a volerne un bossoletto.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
» Anonimo IO SONO IL LUPO
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» tommaso di ciaula
» Tempo che passa
» VECCHIE CASE
» STELLE
» Primavera
» Mariana-I pensieri miei...


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Gli occhi chiusi al sole, il corpo disteso ne assapora i raggi e la brezza che lo rinfresca e lo ristora. Il murmure delle onde, da lontano porta messaggi segreti.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6551
Autori registrati
3084
Totali visite
10016423
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.