La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 1147 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Canti Carnacialeschi.

Donne, quest' un animal perfetto
a molte cose, e chiamasi 'l zibetto,
E' vien da lungi, d'un paese strano;
sta dov' gemizion over pantano,
in luoghi bassi, e chi 'l tocca con mano,
rade volte ne suole uscir poi netto.
Carne sanz'osso sol gli paion buone,
ma vuolne spesso, e, se pu, gran boccone;
poi duo dita di sotto al codrone,
come udirete, si cava il zibetto.
Hassi una tenta, ch' un terzo lunga,
spuntata acci che drento non lo punga.
caccisi drento, e convien tutta s'unga,
o donne: e' vi parr dolce diletto.
Cos si cava quel dolce licore;
ed cci a chi non piace quell'odore:
egli pur buon, ma il troppo fa fetore
di qualche tanfo a chi lo tien mal netto.
Bisogna al metter drento ben guardare;
il luogo ov' 'l zibetto non scambiare,
ch si potria d'altra cosa imbrattare
la tenta, e fassi male al poveretto.
Chi non ha tenta pigli altro partito;
truova stran' modi, o almeno fa col dito,
e poi lo dnno a fiutare al marito,
se non ha tenta o vien da lui il difetto.
certe volte a trar pericoloso,
perch 'gli ha il tempo suo, e vuol riposo
tre giorni o quattro; pure un voglioloso
non guarda a quello e trae un stran brodetto.
La virt del zibetto, o donne, questa
mettivi il naso, scarica la testa;
della donna del corpo ogni mal resta,
e non c' meglio a chi ha tal difetto.
Chi avessi durezza nelle rene,
la punta della tenta ugnerai bene;
metti ov' il male, e subito ne viene
fuor la caldezza, ed hanne gran diletto.
Di fare ingravidare ha gran virte;
molte altre ancor, ma non ne direm pie;
forse abbiam detto troppo; donne, or se,
provate s'egli ver quel che abbiam detto.
Se ne volete, noi ne vogliam vendere;
del pi vivo che avete convien spendere;
non state dure; e' vi bisogna arrendere,
e menar a volerne un bossoletto.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
» Anonimo IO SONO IL LUPO
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» tommaso di ciaula
» Tempo che passa
» VECCHIE CASE
» STELLE
» Primavera
» Mariana-I pensieri miei...


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Trattasi di una mia poesia (Giuseppe Palma) in difesa della Costituzione.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6649
Autori registrati
3164
Totali visite
12470833
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.