La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 07, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia spagnola | Totali visite: 5159 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Federico García Lorca
Spagna Fuente Vaqueros 5 giugno 1898 Víznar, 19 agosto 1936


BALLATA DELLA GUARDIA CIVILE SPAGNOLA
A Juan Guerriero
Console generale della Poesia

Coperti di nero i cavalli.
Nere le ferrature.
Sui mantelli rilucono
macchie d'inchiostro e cera.
Hanno di piombo i crani
per questo non piangono.
Con l'anima di lacca
camminano nella rotabile.
Gobbi e notturni,
per dove spronano impongono
silenzi di gomma oscura,
paure di fine sabbia.
Se voglion passare, passano,
e occultano nelle teste
d'astratte pistole
una vaga astronomia.


*

Oh città dei gitani! Agli angoli bandiere. La luna e la zucca con le amarene in conserva. Oh città dei gitani! Chi t'ha vista e non ti ricorda? Città di dolore e di muschio. con le torri di cannella.

*

Quando cadeva la notte.
notte di notte, notturna,
i gitani nelle fucine
forgiavano soli e frecce.
Un cavallo a morte ferito
bussava a tutte le porte.
Galli di vetro cantavano
per Jerez de la Frontera.
Ignudo il vento volta
la cantonata dell'agguato,
nella notte argentonotte
notte di notte, notturna.
*

La Vergine e San Giuseppe
perdettero le loro nacchere
e vanno cercando i gitani
per veder se le ritrovano.
La Vergine viene vestita
d'un abito di sindachessa
di stagnola per cioccolato,
con i vezzi di mandorle.
San Giuseppe muove le braccia
sotto il mantello di seta.
Dietro va Pedro Domecq
con tre sultani di Persia.
La mezzaluna sognava
un'estasi di cicogna.
Lampioncini e stendardi
invadono le terrazze.
Negli specchi singhiozzano
ballerine senza fianchi.
Acqua e ombra, ombra e acqua
per Jerez de la Frontera.
*

Oh città dei gitani!
Agli angoli bandiere.
Spegni le verdi tue luci,
arriva la benemerita.
Oh città dei gitani!
Chi t'ha vista e non ti ricorda?
Lasciatela lungi dal mare,
senza pettini per la riga.
*

Marciano due per due
sulla città della festa.
Un rumore di semprevivi
invade le loro giberne.
Marciano due per due.
Notturno rintocco di tela.
Il cielo se lo immaginano
una vetrina di sproni.
*

La città libera da paura
moltiplicava le porte.
Quaranta guardie civili
vi passano per saccheggiarla.
Gli orologi si fermarono
e il cognac nelle bottiglie
si mascherò da novembre
per non destare sospetti.
Un volo di lunghi gridi
ascese alle banderuole.
Le sciabole tagliano brezze
dagli zoccoli travolte.
Nelle strade di penombra
le vecchie gitane in fuga
coi cavalli addormentati
e gli orcioli di monete.
Nelle strade inerpicate
le cappe sinistre salgono,
lasciandosi dietro fugaci
mulinelli di forbici.
*

Nel Portico di Betlemme
i gitani si radunano.
San Giuseppe crivellato
acconcia una fanciulla morta.
Aspri fucili implacabili
echeggiano tutta la notte.
La Vergine sana i bambini
con dolce saliva di stella.
Ma la Guardia Civile avanza
seminando falò,
dove l'immaginazione
giovane e nuda avvampa.
Rosa de los Camborios geme
seduta sulla sua porta
con le due poppe recise
sopra un vassoio posate.
Ed altre ragazze correvano,
dalle loro trecce inseguite,
in un'aria dove deflagrano
rose di polvere nera.
Quando solchi nella terra
divennero tutti i tetti,
dondolò l'alba le spalle
in lungo profilo di pietra.
*

Oh città dei gitani!
La Guardia Civile dilegua
sotto un tunnel di silenzio
mentre le fiamme t'accerchiano.
Oh città dei gitani!
Chi t'ha vista e non ti ricorda?
Cercatela sulla mia fronte.
Gioco di luna e di sabbia.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia spagnola più letti

» Pablo Neruda ODE ALL’ATOMO
» F. García Lorca NOTTE D’ESTATE
» Federico García Lorca AGOSTO
» Pablo Neruda PRIMA D’AMARTI
» Jorge Luis Borges ELOGIO DELL’OMBRA
Gli ultimi Poesia spagnola pubblicati

» Gabriel Garcia Marquez CAPITA…
» Octavio Paz ASCOLTAMI
» Amado Nervo IN PACE
» Facundo Cabral FELICITA'
» Jorge Luis Borges ELOGIO DELL’OMBRA
» Federico Garcia Lorca NARCISO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La Natura è un tempio ove pilastri viventi lasciano sfuggire a tratti confuse parole; l'uomo vi attraversa foreste di simboli, che l'osservano con sguardi familiari

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6543
» Autori registrati
3082
» Totali visite
9995558
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.