La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 06, 2014 | Da: Redazione
Categoria: Poesia spagnola | Totali visite: 1212 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Pablo Neruda

Venti poesie d'Amore e una canzone disperata


Lei non con me
Posso scrivere i versi pi tristi stanotte.
Scrivere, per esempio: "La notte stellata,
e tremano, azzurri, gli astri, in lontananza".
Il vento della notte gira nel cielo e canta.
Posso scrivere i versi pi tristi stanotte.
Io l'ho amata e a volte anche lei mi amava.
In notti come questa l'ho tenuta tra le braccia.
L'ho baciata tante volte sotto il cielo infinito.
Lei mi ha amato e a volte anch'io l'amavo.
Come non amare i suoi grandi occhi fissi.
Posso scrivere i versi pi tristi stanotte.
Pensare che non l'ho pi. Sentire che l'ho persa.
Sentire la notte immensa, ancor pi immensa senza lei.
E il verso scende sull'anima come la rugiada sul prato.
Poco importa che il mio amore non abbia saputo fermarla.
La notte stellata e lei non con me.
Questo tutto. Lontano, qualcuno canta. Lontano.
La mia anima non si rassegna d'averla persa.
Come per avvicinarla, il mio sguardo la cerca.
Il mio cuore la cerca, e lei non con me.
La stessa notte che sbianca gli stessi alberi.
Noi, quelli d'allora, gi non siamo gli stessi.
Io non l'amo pi, vero, ma quanto l'ho amata.
La mia voce cercava il vento per arrivare alle sue orecchie.
D'un altro. Sar d'un altro. Come prima dei miei baci.
La sua voce, il suo corpo chiaro. I suoi occhi infiniti.
Ormai non l'amo pi, vero, ma forse l'amo ancora.
E' cos breve l'amore e cos lungo l'oblio.
E siccome in notti come questa l'ho tenuta tra le braccia,
la mia anima non si rassegna d'averla persa.
Bench questo sia l'ultimo dolore che lei mi causa,
e questi gli ultimi versi che io le scrivo.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia spagnola più letti

» Pablo Neruda ODE ALLATOMO
» F. Garca Lorca NOTTE DESTATE
» Federico Garca Lorca AGOSTO
» Pablo Neruda PRIMA DAMARTI
» Jorge Luis Borges ELOGIO DELLOMBRA
Gli ultimi Poesia spagnola pubblicati

» Gabriel Garcia Marquez CAPITA
» Octavio Paz ASCOLTAMI
» Amado Nervo IN PACE
» Facundo Cabral FELICITA'
» Jorge Luis Borges ELOGIO DELLOMBRA
» Federico Garcia Lorca NARCISO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Voci e silenzi Voci e silenzi di mani bianche...sottili... Nell'infinito vortice di evanescenti gemme, preludi di incanti.... Orme palpitanti di imperiture Stelle,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
10000386
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.