La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie africane | Totali visite: 1773 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Donna, posa sulla mia fronte le tue mani balsamiche tue mani pi morbide della pelliccia.
In alto le palme oscillano stormiscono appena nell'alta brezza
Notturna. Non s'ode neppure il canto della nutrice. Ci culli il silenzio ritmato.
Ascoltiamo il suo canto, ascoltiamo battere il nostro sangue oscuro, ascoltiamo
Battere il polso profondo dell'Africa nella bruma dei villaggi perduti.

Ecco, declina la luna stanca verso il suo letto di mare disteso
Ecco che si assopiscono gli scoppi di riso, che gli stessi narratori
- Ciondolano il capo come il bimbo sul dorso della madre
Ecco che i piedi dei danzatori si appesantiscono, si fa pesante la lingua dei cori alternati.

E' l'ora delle stelle e della Notte che sogna
Si appoggia a questa collina di nubi, drappeggiata nel suo lungo perizoma di latte.
i tetti delle case luccicano teneramente. Che dicono, cos confidenziali, alle stelle?
Dentro, nel facolare si spegne nell'intimit di odori acri e dolci.
Donna, accendi la lampada dall'olio chiaro perch parlino intorno gli antenati come i genitori, i bambini nel letto.
Ascoltiamo la voce degli Antichi d'Elissa. Come noi esiliati
Non hanno voluto morire, che si perdesse nelle sabbie il loro torrente seminale.
Che io senta, nella casa fumosa visitata da un riflesso di anime amiche
La mia testa sul tuo seno caldo come un dang tratto fumante dal fuoco
Che respiri l'odore dei nostri Morti, che raccolga e ripeta la loro viva voce, che apprenda a
A vivere prima di discernere, pi in I dei tuffatore, nelle alte profondit del sonno.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie africane più letti

» Lopold Sdar Senghor E MUOIONO DI FAME
» Birago Diop I MORTI NON SONO MORTI
» Lopold Sdar Senghor DONNA NERA
» Leopold S. Senghor - Il ritorno del figliol prodigo
» Nelson Mandela - La meditazione
Gli ultimi Poesie africane pubblicati

» Birago Diop I MORTI NON SONO MORTI
» Lopold Sdar Senghor E MUOIONO DI FAME
» Lopold Sdar Senghor DONNA NERA
» Leopold S. Senghor - Notte di sine
» Leopold S. Senghor - Maschera negra
» Leopold S. Senghor - L'uragano


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Scritta in Via Mazzini a Bisuschio (Varese) in data 08 dicembre 1980 alle ore 22:55

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6531
Autori registrati
3073
Totali visite
9694060
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.