La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 20, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 800 | Totali visite: 1084 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Canto III - III

E balz su, come di s stupita,
e lev alto e vie pi alto un canto,
toccando l'arpa con le lievi dita.
Fil, guizz nel cielo azzurro ed oro
il puro canto e rimbalz rinfranto
in un immenso singulto sonoro.
Sfavill. Si spegneva... era gi spento
No: riviveva e distendea le bianche
ali nel cielo e palpitava al vento.
Risaliva con palpiti e sussulti
alto, pi alto, per rinfrangersi anche
in un'onda, in un'ansia di singulti.
Grid. Mor. Sola le cristalline
lagrime l'arpa ora stillava; quando
risorse la dolcezza senza fine,
riprese il canto, alto tra cielo e mare,
a plorar forte, ad implorare blando,
spezzarsi, unirsi, sospirare, ansare;
un grido, e pace. Ecco le goccie d'oro
tinnir sull'arpa, dalle corde mosse
di quell'acuta gioia di martro;
e il canto alzarsi e i palpiti argentini
piovere gi, poi risalire a scosse,
a spiri, a strida...
E balz su, Rossini.
Tacita l'alba, tacita la strada.
Sul mare alcune lievi nubi rosse.
Sopra la terra fresco di rugiada.
Ronzava quella voce di preghiera
e di dolore, quasi ancora fosse
con lui la povera anima; e s, c'era!
Molle di pianto, egli percosse i tasti
tuoi, clavicembalo, e tu palpitasti...
ASSISA A PIE` D'UN SALICE...


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 800 più letti

» Guido Gozzano - Le golose
» Emilio Praga - Vendetta postuma
» Aleardo Aleardi CHE COSA E DIO?
» Giosu Carducci - Sole d'inverno
» Edmondo De Amicis BONT
Gli ultimi Poesie del 800 pubblicati

» Giosu Carducci INNO A SATANA
» Alessandro Manzoni MARZO 1821
» Giosu Carducci IL BOVE
» Giosu Carducci MEZZOGIORNO ALPINO
» Giovanni Pascoli NOVEMBRE
» Edmondo De Amicis BONT


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
In carcere i giorni son lunghi e scuri Sordidi d di dietro sbarre e muri. L'antica gloria del calcio in Brasile cio Gli splendidi d di Did, Vav, Pel....

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9950311
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.