La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 800 | Totali visite: 1149 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
(Una madre giovinetta veglia sulla grande culla
velata, accompagnando il dondolo della mano
col ritmo del canto.)

Ninna-nanna, bimbo mio!
Ninna-nanna, dolce Re!
Mentre Mamma pensa a Dio,
c' il buon Dio che pensa a te!
Quando tu nascesti venne
la Madonna a contemplare,
si fermarono le penne
dei Cherbi ad adorare!
E nel cielo fu la Stella
e s'udirono parole
e pi fulgido fu il Sole
e la Terra fu pi bella!
Ninna-nanna, pupo biondo,
Ninna-nanna, dolce Re!
Non si trova in tutto il mondo
pupo bello come te!...

(Solleva i veli della culla vuota. La fruga. Balza
in piedi, indietreggia barcollando: poi passa le
mani sul volto atterrito, quasi per sentirsi ben
viva.)

Vuota la culla... vero od menzogna?
Menzogna atroce, incubo fugace!
Togli al martirio il cuore di chi sogna!

(Giunge la voce della Morte invisibile. Prima
fioca e remota, indi pi cruda e distinta.)

LA MORTE INVISIBILE

Sogno non ! Non incubo fugace.
Tuo figlio non pi! Ma datti pace!
Ma datti pace! Non lagnarti forte,
non ti lagnare a voce cos sciolta,
va il tuo lamento, ma nessun l'ascolta.
Povera donna taci! cosa stolta
cercar d'opporsi a me che son la Morte!


LA MADRE

Oh! voce roca, funebre sul vento
sei tu, la Morte? che m'hai tolto il figlio?
Ah! L'odo urlare, urlare di spavento,
bianco lo vedo com' bianco un giglio,
un giglio chiuso dall'ossuto artiglio...

(Breve silenzio. Il volto di lei come quello di
una demente.)

No! Non vero! il mio vaneggiamento...


LA MORTE

Non vaneggiamento! Il bimbo giace
sotto la terra ancor molle e smossa
ma l'alba nuova sorge e si compiace
d'educar fiori su l'angusta fossa
e l'anima innocente s' gi mossa
verso le stelle per l'eterna pace!


LA MADRE

O Morte, dammi l'angioletto biondo
che tu celasti nella terra oscura;
l'abisso dove giace troppo fondo
la pietra che lo copre troppo dura;
scampalo, Morte, dalla sepoltura,
poi manda in sepoltura tutto il mondo!


LA MORTE

Ti rendo il figlio, o donna, ma rammenta
che ti sar martirio l'avvenire.


LA MADRE

Soffrir pel figlio mio! Non mi spaventa
l'ammonimento ch'io dovr soffrire;
per veder vivo lui vorrei morire
e nel morire riderei contenta!


LA MORTE

Ti rendo il figlio, o donna, ma t'avverto
che gli scorre il delitto entro le vene!
l'occhio avr torvo, il cuor di frode esperto...


LA MADRE

Rendimi il figlio! So che mi conviene
col buon consiglio di condurlo al bene,
farne un cuor saggio ed uno sguardo aperto.


LA MORTE

Il figlio tuo ti verr reso, ma
non ti scordare mai di questo giorno;
egli dormiva gi felice l
donde nessuno fece mai ritorno.
Donna, ben meglio il funebre soggiorno,
meglio la pace dell'eternit.


LA MADRE

Io ti ringrazio, o Morte! Infine il povero
figliolo mio torna alle mie braccia;
su questo seno trover ricovero,
su questo seno celer la faccia,
e far il bene sotto la minaccia
dell'amoroso tenero rimprovero...


LA MORTE

Io te lo rendo, ma non tarderai
a lacerarti il cuor dallo sconforto.
Mi supplicavi, o donna, e t'ascoltai.
Ti feci lieta, ma per tempo corto;
e un giorno tu dirai: fosse pur morto
e non si fosse ridestato mai.


LA MADRE

Perch, perch codesto tuo parlare,
s'egli sar per sempre a me vicino?
Se ogni mattin lo guider all'altare,
se fogger pi bello il suo destino?


LA MORTE

Appena il braccio sar forte al remo
lascer la sua madre e il casolare;
dalla deserta riva sentiremo
d e notte, notte e giorno il tuo gridare;
e forse un giorno lancerai sul mare
invano, invano il tuo lamento estremo.
Ed egli dove il cielo di turchese
scende nell'onda, ove s'estingue il sole,
rimpianger il minuscolo paese,
rimpianger le tue buone parole.
E grider nell'anima che duole;
grider: Morte! Con me sii cortese!
Chieder morte! E appagher mie brame
non lui sopendo sopra un letto molle,
tra dolci preci e candide corolle...
Morr sul palco, infamia del reame,
morr sul palco. Maleoprando volle
rendersi degno della morte infame!

(La madre si copre con le mani il volto disfatto
dalla visione spaventosa.)

Io te lo rendo. Ma tu sappi ancora...


LA MADRE

(con un brivido d'orrore) No! taci! taci!

(La madre s'accascia; con un moto d'orrore cre-
scente si fa difesa con le braccia, come sotto
una percossa. Lungo silenzio. Poi alza il volto
trasfigurata.)

No! taci! taci! non mi dir pi nulla!
Non mi ridire ci che m'addolora...


LA MORTE

Io te lo rendo. Ma tu sappi ancora...


LA MADRE

Lasciami sola sopra questa culla
a piangere quest'anima fanciulla
che tramont nel sorger dell'aurora!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 800 più letti

» Guido Gozzano - Le golose
» Emilio Praga - Vendetta postuma
» Aleardo Aleardi CHE COSA E DIO?
» Giosu Carducci - Sole d'inverno
» Edmondo De Amicis BONT
Gli ultimi Poesie del 800 pubblicati

» Giosu Carducci INNO A SATANA
» Alessandro Manzoni MARZO 1821
» Giosu Carducci IL BOVE
» Giosu Carducci MEZZOGIORNO ALPINO
» Giovanni Pascoli NOVEMBRE
» Edmondo De Amicis BONT


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Canti Carnacialeschi. Berricuocoli, donne, e confortini! se ne volete, i nostri son de' fini. Non bisogna insegnar come si fanno, ch' tempo perso, e 'l tempo pur gran danno; e chi lo perde, come molte fanno, convien che facci poi de' pentolini.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6551
Autori registrati
3084
Totali visite
10016570
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.