La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 20, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 900 | Totali visite: 830 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Io vidi dal ponte della nave
i colli di Spagna
svanire, nel verde
dentro il crepuscolo d'oro la bruna terra celando
come una melodia:
d'ignota scena fanciulla sola
come una melodia
blu, sulla riva dei colli ancora tremare una viola...
Illanguidiva la sera celeste sul mare:
pure i dorati silenzi ad ora ad ora dell'ale
varcaron lentamente in un azzurreggiare:...
Lontani tinti dei varii colori
dai pi lontani silenzii
ne la celeste sera varcaron gli uccelli d'oro:
la nave gi cieca varcando battendo la tenebra
coi nostri naufraghi cuori
battendo la tenebra l'ale celeste sul mare.
Ma un giorno
salirono sopra la nave le gravi matrone di Spagna
da gli occhi torbidi e angelici
dai seni gravidi di vertigine. Quando
in una baia profonda di un'isola equatoriale1
in una baia tranquilla e profonda assai pi
del cielo notturno
noi vedemmo sorgere nella luce incantata
una bianca citt addormentata
ai piedi dei picchi altissimi dei vulcani spenti
nel soffio torbido dell'equatore: finch
dopo molte grida e molte ombre
di un paese ignoto,
dopo molto cigolo di catene
e molto acceso fervore
noi lasciammo la citt equatoriale
verso l'inquieto mare notturno.

Andavamo andavamo, per giorni e per giorni;
le navi gravi di vele molli di caldi soffi incontro
passavano lente:
s presso di sul cassero a noi ne appariva bronzina
una fanciulla della razza nuova,
occhi lucenti e le vesti al vento!

Ed ecco: selvaggia a la fine di un giorno
che apparve la riva selvaggia2 l gi
sopra la sconfinata marina:
e vidi come cavalle
vertiginose che si scioglievano le dune
verso la prateria senza fine
deserta senza le case umane.
E noi volgemmo fuggendo le dune che apparve
su un mare giallo3
de la portentosa dovizia del fiume,
del continente nuovo la capitale marina4.
Limpido fresco ed elettrico era il lume
della sera e l le alte case parevan deserte
laggi sul mar del pirata
de la citt abbandonata
tra il mare giallo e le dune. . . . . . . . .


Dino Campana - Canti Orfici

(1)un'isola equatoriale: Capoverde
(2)la riva selvaggia: quella dell'Uruguay
(3)su un mare giallo: il Rio della Plata
(4)la capitale marina: Buenos Aires


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 900 più letti

» Gabriele D'Annunzio - La pioggia nel pineto
» Eugenio Montale - Meriggiare pallido e assorto
» Eugenio Montale - Ossi di seppia - Meriggiare
» Primo Levi - Se questo un uomo
» Giuseppe Ungaretti - GIORNO PER GIORNO
Gli ultimi Poesie del 900 pubblicati

» Greco Cosimo- L'ultima sera
» tommaso di ciaula
» Caruso Asistide -Frammento
» Aristide Caruso - Padri e figli
» Aristide Caruso - Ad uno che non c pi
» Caruso Aristide - Ferragosto diverso


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Non entrer nel porto ove le vele stanno quiete e il pescator rabbercia la sua rete. L negli scogli al largo girer la prua

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
10008035
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.