La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 23, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 900 | Totali visite: 61581 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d'orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe dei suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch'ora si rompono ed ora s'intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com'è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 900 più letti

» Gabriele D'Annunzio - La pioggia nel pineto
» Eugenio Montale - Meriggiare pallido e assorto
» Eugenio Montale - Ossi di seppia - Meriggiare
» Primo Levi - Se questo è un uomo
» Eugenio Montale - Ossi di seppia - Portami il girasole
Gli ultimi Poesie del 900 pubblicati

» Franco Battiato L’OMBRA DELLA LUCE
» Mogol I GIARDINI DI MARZO
» Salvatore Quasimodo S'ODE ANCORA IL MARE
» Salvatore Quasimodo GIA' LA PIOGGIA E' CON NOI
» Gabriele D’Annunzio STRINGITI A ME
» Gabriele D’Annunzio LA BOCCUCCIA


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Piangi, uomo, quando vedi Il corso della tua vita forse troppo appiattito. Non trattenere, uomo, il tuo pianto pensando che sia debolezza soltanto. La "debolezza" di questo momento può ridare nuovo senso e forza alla successiva tua esistenza.

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
5752
» Autori registrati
1503
» Totali visite
2246079
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.