La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
� Poesia antica greca e latina
� Poesia dialettale italiana
� Poesia italiana
� Poesie inedite
� Poesie straniere tradotte
� Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 23, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 900 | Totali visite: 50552 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d'orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe dei suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch'ora si rompono ed ora s'intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com'è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 900 più letti

� Gabriele D'Annunzio - La pioggia nel pineto
� Eugenio Montale - Meriggiare pallido e assorto
� Eugenio Montale - Ossi di seppia - Meriggiare
� Primo Levi - Se questo è un uomo
� Eugenio Montale - Ossi di seppia - Portami il girasole
Gli ultimi Poesie del 900 pubblicati

� Franco Battiato L’OMBRA DELLA LUCE
� Mogol I GIARDINI DI MARZO
� Salvatore Quasimodo S'ODE ANCORA IL MARE
� Salvatore Quasimodo GIA' LA PIOGGIA E' CON NOI
� Gabriele D’Annunzio STRINGITI A ME
� Gabriele D’Annunzio LA BOCCUCCIA


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
SEMPRE LA STESSA DOMANDA Dovunque, o Postumo, tu t'imbatti in me, gridi per prima questa tua domanda: «Che fai, dimmi, che fai?» Questo tu mi domandi anche se m'incontri dieci volte in una sola ora. Io penso, o Postumo, che tu

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
5671
» Autori registrati
238
» Totali visite
1795837
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.