La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 900 | Totali visite: 1176 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Spezzate i flauti. Il lino che connette
le canne quel medesmo degli astuti
lacci, e la cera troppo sa di miele.

Il suono puerile breve oblio
pel cor prestante che non ama il gioco
facile n cattare il sonno lieve.

N tu sei cittadino d'Agrigento
nomato Mida, vincitore in Delfo.
N t'insegn la Csia il grande carme.

Pallade Atena dai fermi occhi chiari
prima invent tal melodia, nel giorno
in cui Medusa tronca fu dall'arpe.

Ud le grida e i pianti ch'Eurile
mettea tra il sibilare dei serpenti
verso la strage; ud l'orrendo ploro.

I gemiti di Steno come dardi
fendeano l'etra, e tutti gli angui eretti
minacciavan l'eroe nato dall'oro.

Cos la Meloda di Mille Teste
nacque in giorno sanguigno; e la raccolse
Pallade Atena e modul per l'uomo.

Le canne dei canneti d'Orcomno
ella guarn con lmine di brinzo
e s ne fece pi possente il tuono.

Spezzate i flauti esigui, auleti imberbi,
poi che non han potenza al grande carme.
Cercatemi nel mare i nicchi intorti.

V'insegner davanti alle tempeste
dedurre dalle bccine profonde
la melodia delle mie mille sorti.

(Data di composizione ignota)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 900 più letti

» Gabriele D'Annunzio - La pioggia nel pineto
» Eugenio Montale - Meriggiare pallido e assorto
» Eugenio Montale - Ossi di seppia - Meriggiare
» Primo Levi - Se questo un uomo
» Giuseppe Ungaretti - GIORNO PER GIORNO
Gli ultimi Poesie del 900 pubblicati

» Greco Cosimo- L'ultima sera
» tommaso di ciaula
» Caruso Asistide -Frammento
» Aristide Caruso - Padri e figli
» Aristide Caruso - Ad uno che non c pi
» Caruso Aristide - Ferragosto diverso


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Sono andato segnando con croci di fuoco latlante bianco del tuo corpo

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9951007
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.