La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie del 900 | Totali visite: 942 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
E s' spezzato il filo
dell'esistenza d'un Poeta vero,
d'un mecenate che donava asilo
in rete ai naviganti del pensiero.

Che giorno scuro e brutto!
Ch'Erto soffra, piangano le Muse,
che in Elicona vestano di lutto,
che Atropo ci porga le sue scuse.

Pianga con me Urna,
Trsicore danzando rechi un cero,
Melpomene, Polnnia e tu Tlia
vogliate che l'elogio sia da Omero.

Callope sia mesta.
Mnemosine mantenga il suo ricordo
lucido per la vita che ci resta,
Euterpe gli componga un dolce accordo.

Piangano come ho pianto
per lui che manco conoscevo in volto,
che s'era innamorato del mio canto
com'io del verso suo limpido e sciolto.

Piangano com'io piango
che ragionai con lui di Vita Nova,
di tenebre, di luce, d'ombra e fango,
della parola che non si rinnova.

Piangano ma che Clio
aduni attorno a s il Tempo e l'Ore
e segni un verso dell'amico mio:
fu Poesia, Felice, che non muore.


Lino Lista (dal Vino del Reno)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 900 più letti

» Gabriele D'Annunzio - La pioggia nel pineto
» Eugenio Montale - Meriggiare pallido e assorto
» Eugenio Montale - Ossi di seppia - Meriggiare
» Primo Levi - Se questo un uomo
» Giuseppe Ungaretti - GIORNO PER GIORNO
Gli ultimi Poesie del 900 pubblicati

» Greco Cosimo- L'ultima sera
» tommaso di ciaula
» Caruso Asistide -Frammento
» Aristide Caruso - Padri e figli
» Aristide Caruso - Ad uno che non c pi
» Caruso Aristide - Ferragosto diverso


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Non odi cupi brmiti interrotti di l del Serchio? Il cervo d'unghia nera si spara dal branco delle femmine e si rinselva. Dormir fra breve nel letto verde, entro la macchia folta, soffiando dalle crespe froge il fiato violento che di mentastro odora.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6583
Autori registrati
3109
Totali visite
10534118
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.