La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 28, 2017 | Da: tommaso di ciaula
Categoria: Poesie del 900 | Totali visite: 719 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
tommaso di ciaula
nato ad Adelfia(BA)il 27 -9-1941.Vive a Bitetto(Ba)
gentili signori:vi scrivo solo qualche verso(sono vecchietto,75 anni e fa caldo qui a Bitetto(BA),e debbo cucinare qualcosa) qualche verso di una mia poesia d'amore,però:
ci tengo molto,alle poesie di fabbrica:
(...)ieri notte
le ho contato
chilometri
di rose
sul suo corpo.

Dietro la porta
la canzone
azzurra
del vento
il fischio antico
dello zappatore
ed il canto tragico
del gallo mattutino
arruffato di penne
e di sogni.
da "Chiodi e rose".Matera,1970.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie del 900 più letti

» Gabriele D'Annunzio - La pioggia nel pineto
» Eugenio Montale - Meriggiare pallido e assorto
» Primo Levi - Se questo un uomo
» Eugenio Montale - Ossi di seppia - Meriggiare
» Giuseppe Ungaretti - GIORNO PER GIORNO
Gli ultimi Poesie del 900 pubblicati

» Ora che sale il giorno
» Greco Cosimo- L'ultima sera
» tommaso di ciaula
» Caruso Asistide -Frammento
» Aristide Caruso - Padri e figli
» Aristide Caruso - Ad uno che non c pi


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Tu mia musa sei lastro che ho smarrito: il mio Sogno occasionale il Cassetto riempito Sangue su dun sinale un Giardino sfiorito un Ruscello bidirezionale un Veggente stupito unAutostrada pedonale un Riace ingobbito una Malattia gioviale una Cura che d prurito il Vino che mha guarito del Sangue verderame. Tu sei la fedelt dun serpente che mha immunizzato la mente. Questo esercizio pu sembrar vizio ma serve mia stucchevole ninfa per ritrovar la linfa che placa ogni supplizio.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6698
Autori registrati
3181
Totali visite
13009370
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.