La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie di Fernando Pessoa | Totali visite: 5069 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Il poeta un fingitore.
Finge cos completamente
che arriva a fingere che dolore
il dolore che davvero sente.

E quanti leggono ci che scrive,
nel dolore letto sentono proprio
non i due che egli ha provato,
ma solo quello che essi non hanno.

E cos sui binari in tondo
Gira, illudendo la ragione,
questo trenino a molla
che si chiama cuore.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie di Fernando Pessoa più letti

» Fernando Pessoa SE IO
» Fernando Pessoa - Il violinista pazzo
» Fernando Pessoa - Autopsicografia
» Fernando Pessoa L'ALTROVE
» Fernando Pessoa - Licantropia
Gli ultimi Poesie di Fernando Pessoa pubblicati

» Fernando Pessoa MAGNIFICAT
» Fernando Pessoa NULLA
» Fernando Pessoa ORIZZONTE
» Fernando Pessoa SE IO
» Fernando Pessoa NESSUNO, ASSOLUTAMENTE NESSUNO
» Fernando Pessoa L'ALTROVE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Napulitanata Versi di s. Di Giacomo Uocchie de suonno, nire, appassiunate, ca de lu mmele la ducezza avite, pecch, cu sti gguardate ca facite, vuje nu vrasiero mpietto m'appicciate? Ve manca la parola e mme parlate,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9977845
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.