La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 03, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie di Trilussa | Totali visite: 3691 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Trilussa (C. A. Salustri)
1873-1950

All'ombra

Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all'ombra d'un pajar
o vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -
vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -

Forse 'ste bestie nun me capiranno,
ma provo armeno la soddisfazzione
de pot di' le cose come stanno
senza paura de fin in priggione.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie di Trilussa più letti

» Trilussa NINNA NANNA DELLA GUERRA
» Trilussa FELICITA'
» Trilussa All'ombra
» Trilussa DISPIACERI AMOROSI
» Trilussa ER LEONE RICONOSCENTE
Gli ultimi Poesie di Trilussa pubblicati

» Trilussa NINNA NANNA DELLA GUERRA
» Trilussa FELICITA'
» Trilussa ER LEONE RICONOSCENTE
» Trilussa ER CECO
» Trilussa DISPIACERI AMOROSI
» Trilussa CARITA' CRISTIANA


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Poemi italici. E si lev la Parvoletta in pianto. Piangea, la povera anima, e mirava il suo fratello rauco gramo franto... "Se tu crescesti, se, qual ero, io resto, piccola, perch farne la tua schiava, di me che nacqui, tu lo sai, pi presto?"

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6531
Autori registrati
3073
Totali visite
9693956
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.