La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 02, 2014 | Da: Redazione
Categoria: Poesie di Walt Whitman | Totali visite: 1660 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Walt Whitman
USA West Hills 31/05/1819 Camden 26/03/1892

LA PREGHIERA DI CRISTOFORO COLOMBO

Uno stremato e naufragato vecchio,
travolto a questa sponda selvaggia, cos lontana dal mio paese
circondato per dodici mesi dal mare e da torve facce di ribelli,
indolenzito, rotto dalle molte fatiche, pieno di amarezze e presso a morire.
Prendo la via lungo la spiaggia dell'isola,
cercando di alleviare il mio pesante cuore.
Troppo pieno di angoscia io sono!
E forse non ho da vivere che un giorno solo...
O Signore, io non posso riposare, non posso mangiare n bere,
se prima, ancora una volta, io non elevo me e la mia preghiera a Te;
se prima io non respiri e mi bagni, anche una volta, in Te, non
mi accomuni con te.
e non apra l'animo mio, ancora una volta, a Te.
Un profondo, nobilissimo sentimento religioso anima questi accenti, che, pronunziati dal grande scopritore
del nuovo mondo, acquistano un valore ancor pi significativo
Dopo aver realizzato il suo ardito piano.
Cristoforo Colombo, affranto e sgomento per le amarezze che la vita gli ha serbato, si volge con umilt e fiducia,
all'Altissimo, che solo pu dargli la pace; Dio il principio e il fine ultimo di tutte le cose e a Lui si ricollegano
le grandi imprese realizzate dall'umano progresso: questo sembrano volerti ricordare i versi della preghiera.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie di Walt Whitman più letti

» Walt Whitman O CAPITANO! MIO CAPITANO!
» Walt Whitman ORA CHE IL TEMPO E VICINO
» Walt Whitman VIVERE CON GLI ANIMALI
» Walt Whitman LA VOCE DELLA PIOGGIA
» Walt Whitman UN CANTO DI GIOIE
Gli ultimi Poesie di Walt Whitman pubblicati

» Walt Whitman NOI DUE RAGAZZI CHE STRETTI CI AVVINGHIAMO
» Walt Whitman SULLA SPIAGGIA DI NOTTE
» Walt Whitman UN CANTO DI GIOIE
» Walt Whitman LA VOCE DELLA PIOGGIA
» Walt Whitman AD UNO SCONOSCIUTO
» Walt Whitman VIVERE CON GLI ANIMALI


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Materiale altamente innocente nuova area di demolizione spazio infinito di realt nera vedere non serve a niente inutile camminare tutto uguale, tutto nero provo ad urlare non serve la mia voce l'unica capisco che questa la fine non come credevo

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6583
Autori registrati
3110
Totali visite
10556121
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.