La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 09, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie di Walt Whitman | Totali visite: 9521 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Walt Whitman

O CAPITANO! MIO CAPITANO!

O Capitano! mio Capitano! il nostro viaggio tremendo finito,
La nave ha superato ogni tempesta, lambito premio vinto,
Il porto vicino, odo le campane,
il popolo esultante,

Gli occhi seguono la solida chiglia, laudace e altero vascello;
Ma o cuore! cuore! cuore!
O rosse gocce sanguinanti sul ponte
Dove disteso il mio Capitano
Caduto morto, freddato.

O Capitano! mio Capitano! lzati e ascolta le campane; lzati,
Svetta per te la bandiera, trilla per te la tromba, per te
I mazzi di fiori, le ghirlande coi nastri, le rive nere di folla,
Chiamano te, le masse ondeggianti, i volti fissi impazienti,
Qua Capitano! padre amato!
Questo braccio sotto il tuo capo!
un puro sogno che sul ponte
Cadesti morto, freddato.

Ma non risponde il mio Capitano, immobili e bianche le sue labbra,
Mio padre non sente il mio braccio, non ha pi polso e volere;
La nave ancorata sana e salva, il viaggio finito,
Torna dal viaggio tremendo col premio vinto la nave;
Rive esultate, e voi squillate, campane!
Io con passo angosciato cammino sul ponte
Dove disteso il mio Capitano
Caduto morto, freddato.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie di Walt Whitman più letti

» Walt Whitman ORA CHE IL TEMPO E VICINO
» Walt Whitman O CAPITANO! MIO CAPITANO!
» Walt Whitman LA VOCE DELLA PIOGGIA
» Walt Whitman VIVERE CON GLI ANIMALI
» Walt Whitman UN CANTO DI GIOIE
Gli ultimi Poesie di Walt Whitman pubblicati

» Walt Whitman NOI DUE RAGAZZI CHE STRETTI CI AVVINGHIAMO
» Walt Whitman SULLA SPIAGGIA DI NOTTE
» Walt Whitman UN CANTO DI GIOIE
» Walt Whitman LA VOCE DELLA PIOGGIA
» Walt Whitman AD UNO SCONOSCIUTO
» Walt Whitman VIVERE CON GLI ANIMALI


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Le ceneri di Gramsci II Tra i due mondi, la tregua, in cui non siamo. Scelte, dedizioni... altro suono non hanno ormai che questo del giardino gramo e nobile, in cui caparbio l'inganno che attutiva la vita resta nella morte. Nei cerchi dei sarcofaghi non fanno

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6643
Autori registrati
3159
Totali visite
12204007
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.