La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 21, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 503 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
RIFLESSIONI POSTUME

I

tutto proprio
come se fossi morto.

Non questa luce
un sogno?



II

Se l'aria avesse colore

Eppure sciolgo il pensiero
come la tempera.

Il giorno scialbo,

se tutto fosse inutile?



III

Il mio cuore a met
strada t'incontr.

Mi chiedo a met di cosa,

Se d'un viaggio avventuroso
o di una faticosa corsa.

So dei miei vaneggiamenti,
per te solo un soffio di polvere



IV

Difficile spiegare quello
che significasti.

Sarebbe pi facile
capire se stessi.

Eppure quando mi parlasti
non ebbi orecchi che per te.

Non ebbi occhi che per te.



V

"Una piccola luce"
lo ricordo come ieri.

Solo che quella luce
cos d'improvviso
l'hai spenta.

Eppure, vedo,
il mio cerino
sfrega ancora

e s'accende

Senza il tuo volto
a cosa serve, per?



VI

Di doni ognuno ne ha
quanto basta. Il mio

un dono? Non so,

che dono

se poi fa soffrire?



VII

Sono tornato alla
vecchia nebbia.

Canta il gallo

piroetta la banderuola

il solito vento
che ti dava noia,

che non dissipa
il dubbio

e la nebbia



VIII

T'incontrassi vecchia
orba, sorda, zoppa

saresti lo stesso per me

di quando ti vidi bella.

Ti ho amato all'anima,
tu hai chiuso gli occhi

Te ne sei andata
senza neanche salutare.



IX

Non feci nulla
che ti potesse
dare offesa.

Forse no,
forse ti dissi
che mi piacevi

ti scrissi poesie.

Dimmi se questo basta
per farmi cos male



X

L'anima mia dolente,
un'ultima cosa vorrei
dirti, sempre, e non c'

occasione. N ci sar.

Vedi, se t'incontrassi ora
io sarei sicuramente felice.

Cuore folle! trema
ancora al tuo nome.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Tornami a mente il d che la battaglia D'amor sentii la prima volta, e dissi: Oim, se quest' amor, com'ei travaglia! Che gli occhi al suol tuttora intenti e fissi, Io mirava colei ch'a questo core Primiera il varco ed innocente aprissi.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9951107
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.