La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 691 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
TEGLIO fine dicembre
(a mia madre)

Meriggio da dietro le cime:
il sole giocoso con l'ombre
a piacere suo le distorce,
nel freddo pungente ed acre
tizzo violento di torce;
e sono le parole vane,
son nuvole di fumo in bocca,
vaghe d'essenze lontane
rovinando di rocca in rocca.
Il passo ci serve pi lesto
che il sole per poco ci illude,
soli lasciandoci presto
in dentro al rimorso si chiude.

Meriggio d'andare spedito:
le salite verso s. Rocco,
le genti che van dopo il pasto
a scender tra prati e bosco
e con loro noi, al camposanto,
se si vuole, gi per di qua;
pisolando il cane sull'aia
si sogna l'Eternit.
In prilli la luce nell'aria
svelta rimbroglia i suoi lampi
al giogo delle guglie molli,
le ombre di colpo sui campi
discendono lungo le valli.

Meriggio al camposanto, infine:
i rami scarni tesi al cielo
ai marmi e alle pietre pi dure,
torti alla stretta del gelo,
rivelano preci insicure
ed il vento come la morte
a caso le sperde e confonde.
Conto le croci che smorte
vi resero, o zolle, feconde!
Ch'anco l una lapide c',
laddove il selciato dispare,
disceso lo spiano c'
una lapide da trovare.

Meriggio da tempo svanito:
nel vento gi il chiaro dismaglia
l'intreccio sottile di stelle;
tu, luna, viva medaglia
che sorgi di dosso le ville,
mi dici non esser contegno
nel cielo d'intenso violetto
per te patire l'inverno.
E io m'allaccio al tuo cospetto
al collo la mia sciarpa blu,
ripasso la strada che manca,
che svelta rimonta su,
verso casa, col passo che arranca.

All'imbrunire, giunti a casa:
nella cucina ancora sbuffa
un grato calore di stufa;
sul desco riscalda le ossa
fumante una tazza di t.
Felicit, non che si possa
in questa festa non amar che te.

(31-12-2001)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Va' Cavaliere d'alabastro in groppa al tuo destriero che cos pazientemente hai aspettato. Cavalca, impassibile e sereno laddove ha brucato,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9945720
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.