La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 19, 2014 | Da: beppone
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 854 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
beppone

LA DONNA DI CUORI


UN VECCHIO CHE GIOCA ALLE CARTE;
IL FIASCO DEL VINO DECIDE LA SORTE.

IL DESTINO DEL SUO SOLITARIO
E QUELLO DI SEMPRE, NON TROVA LA FINE.

IL TAVOLO INIZIA A GIRARE,
IL FIASCO SI ROMPE, SI SPARGON LE CARTE:

LA DONNA DI CUORI, CADUTA LONTANO,
GLI SI AVVICINA, GLI TENDE LA MANO.

IL VECCHIO SORRIDE, HA RAGGIUNTO LO SCOPO:
LA DONNA CHE AMAVA HA VINTO AL SUO GIOCO


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» Stessa Merda,Altro giorno
» biancanevo - passa il tempo
» Jorges Luis Borges LAMICIZIA
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Carmine Ianniello - Stagno
» Carmine Ianniello - Orizzonte
» Gattina
» Lasciami trovare un attimo
» Chemistry is life
» Adieu - Risveglio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Il muover dun passo la mia giubba esala lultimo respiro, ed uno strascico dechi e dolori son le mie membra appesantite. Rimuovo dal capezzale lantica indole del ventennale sacerdozio per cui posata la fanciullezza ascosa versai sul limbo la parola ariosa. A destarmi, figlio,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6755
Autori registrati
3280
Totali visite
15078111
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.