La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 29, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 1050 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Cuori clandestini


"Lampedusa,
ultima figlia di un'Italia
che, spesso, ti dimentica
e figlia illegittima di un'Africa
alla quale assomigli.
I tuoi occhi hanno rivisto
gli occhi dei tuoi fratelli africani
e li hanno riconosciuti...
La tua terra sempre terra di passaggio
per uomini senza patria.
Siamo tutti clandestini..."



Non c' attimo in cui l'Africa non si ricordi di noi.
Primavera. Estate. Autunno. Inverno. Non c' stagione dell'anno in cui non sia possibile avvertire, in ogni cosa, visibile o invisibile, questa simbiosi d'amore e d'affinit tra terre vicine ma lontane, consanguinee ma estranee: una meravigliosa dade di complicit tra istinto materno e bisogno di protezione, tra lontananza consapevole e distacco indesiderato.
Un'isola come un bambino abbandonato in un'immensa culla d'acqua. Un'isola di tutti e non di nessuno: di chi la scopre, di chi l'adotta o la vizia; ogni intenzione, per, sempre passeggera e, alla fine, come tutti i bambini abbandonati, anche l'isola finisce nell'orfanotrofio della solitudine.
L'assenza d'ogni madre-terra incolmabile e insostituibile ma la sua presenza, pur illusoria e distante, percepibile ovunque.
Lampedusa la figlia diletta dell'Africa: l'orgoglio imbarazzante e sofferente della madre che ne riconosce la straordinaria somiglianza ma non pu fare altro che amarla segretamente e riempirla di doni.

Non c' attimo in cui l'Africa non si ricordi di noi e non occorre che sia festa per aprire magicamente lo scrigno della natura e regalarci il prezioso oro del suo sole, che luccica eternamente tra il topazio e il turchese del mare.
E quando l'oro diventa opaco, come semplice pietra ambrata che si confonde con la terra selvaggia, l'Africa si rammarica di non poterci donare il suo intenso calore solare e umano.
Vanitose e capricciose, le perle di nuvole n'approfittano: fingendo di corteggiare il sole, adornano il cielo di una fitta collana, fino a sedurre anche i pi timidi raggi di luce.
Il cielo cupo diventa lo sguardo triste e offuscato dell'Africa e il vento incessante, tipico di questi giorni soffocanti il suo respiro affannoso e amoroso che si appiccica sulla pelle, quasi a voler consolare la nostra lontananza e a compensare la carenza d'affetto e contatto. Lo scirocco il canto malinconico dell'animo africano, che si diffonde per tutta l'isola, accompagnato da violini striduli di voci ed eco: filastrocche quotidiane di pescatori, stanchi, che rientrano nel porto, e versi insistenti di gabbiani che intrecciano danze sul mare, sfiorando l'acqua, quasi invitandola a ballare con il vento.

Era un tardo pomeriggio di scirocco e anche la mia anima vibrava, come una canna che si piega al primo vento della sera.
La primavera dipingeva il quadro pittoresco del cielo con i pastelli dei fiori di pesco, di timo, delle margherite dorate, dei cardi spinosi e dei mandorli ancora acerbi, sfumando o contrastando le infinite tonalit del tramonto.
Il mare era increspato, come cartapesta modellata disordinatamente.
La sabbia si alzava, lentamente, depositandosi sulle palpebre e imprimendo sul cuore l'ennesimo sigillo d'amore e d'attenzione dell'Africa.

Quel tardo pomeriggio, la clessidra del tempo era veloce, troppo veloce, ed io avrei voluto capovolgerla e riempirla di tutta quella sabbia che mi circondava: almeno per rivivere le piccole gioie della vita o per cancellare i grandi dolori, per recuperare tutto ci che avevo perduto. Ma la clessidra del tempo non si pu rovesciare e noi non possiamo fare altro che osservare il flusso dei granelli di sabbia che scende, ora lentamente, quando l'attesa ci sembra eterna, ora velocemente, quando vorremmo che il tempo si fermasse. E il tempo, quel tardo pomeriggio, sembrava essersi fermato proprio su quella spiaggia, dove mi recavo, spesso, a parlare con il mare, con il vento, con Dio, per poi ricevere solo risposte sibilline dalle conchiglie, raccolte e appoggiate ad un orecchio.
Intanto, i ricordi diventavano sempre pi insistenti, come quelle onde impetuose che arrivavano, improvvisamente, sulla riva e poi si asciugavano, ritornando a mescolarsi con il resto del mare e lasciandoci l'illusione di averci portato, anche per un attimo, qualcosa che ci apparteneva.
Onda dopo onda. Acqua su acqua. L'illusione diventava delusione: tutto ci che perduto non ritorna e tutto finisce tra i fondali dei rimpianti.
Anche le onde della ragione s'infrangevano contro lo scoglio testardo del cuore, che le rifiutava e le rimandava indietro.

Era il tardo pomeriggio in cui il cuore e la ragione lottavano e tra i due nemici non poteva certo esserci pace: solo il dubbio una conveniente e fugace tregua ma, prima o poi, l'uno avrebbe sconfitto l'altro, inevitabilmente. Non sapevo cosa desiderare: che vincesse il cuore o la ragione; forse il cuore per continuare ad amare, forse la ragione per smettere di soffrire.
Ogni mio sguardo costruiva una contemplazione o una meditazione e le mie osservazioni erano come ragni che tessevano lunghe ed intense tele d'emozioni, per intrappolare, come insetti, altre illusioni: ma erano speranze o rassegnazione? Non volevo che quello fosse il tardo pomeriggio della rassegnazione e il vento caldo dello scirocco mi suggeriva speranze.

Il mare era sempre increspato, come cartapesta disegnata disordinatamente ma, questa volta, la mano invisibile di un artista aveva creato una distrazione al mio sguardo e ai miei pensieri: una microscopica barca, bianca e azzurra, con una striscia centrale gialla, rossa e verde e con una strana incisione, in lingua araba, sul legno invecchiato, si dondolava sull'altalena dell'acqua, ora affiorando ora scomparendo sotto le lunghe onde.
Anche il mio cuore cominciava a sobbalzare, per l'urto della paura e della curiosit, soprattutto quando l'ultima onda aveva scaraventato, con impeto, la barca sulla riva, a pochi passi dai miei occhi increduli.
Qualcosa respirava. Qualcosa sospirava.Qualcosa gemeva.
Chi era quella persona rannicchiata su se stessa, fino a sembrare un fagotto? A chi appartenevano quei respiri, quei sospiri e quei lamenti?
Non sapevo se fuggire, senza voltarmi indietro, o se avvicinarmi con cautela.
Intanto, qualcosa si muoveva.

Il capo, coperto da un fazzoletto con disegni di palme e piantagioni di tabacco, era chinato sulle braccia, incrociate sopra le ginocchia, e si sollevava con timore, lasciando intravedere due occhi tristi e smarriti, misteriosi come la notte: erano gli occhi di Midhina.

Lo scirocco continuava a soffiare come un ventaglio che sventola incoraggiamenti ad ogni stato d'animo preoccupante e sulle ali di quel vento volavano le parole dei pescatori, che tiravano le reti gridando: "Sbarcu ci fu! Navutru sbarcu di clandestini! Dici ca c'era pure na carusa e a ittaru a mari supra na varca nica quantu na bagnarola, pi sviari i vedetti da guardia costiera.I pigghiaru tutti! I pigghiaru tutti! Ma u cumannanti scapp co pescherecciu africanu e a carusa accumora si persi a mari.Ncuscenti! Disgraziati! Usari na carusa pi sarvarisi e lassalla sula di dda bagnarola cu stu malutempu (c' stato uno sbarco! Un altro sbarco di clandestini! Dicono che ci fosse pure una bambina e che l'abbiano gettata in mare, su una barca piccola quanto una bacinella, per sviare l'attenzione delle vedette della Guardia Costiera. Li hanno presi tutti! Li hanno presi tutti! Ma il comandante scappato con il peschereccio africano e la bambina sar dispersa in mare. Incoscienti! Disgraziati! Usare una bambina per salvarsi e lasciarla sola in quella bacinella, con questo brutto tempo).

Non era difficile capire chi era Midhina e da dove arrivava.
Midhina era il pi gran dono dell'Africa e ne portava i colori, i sapori, gli aromi e gli umori: aveva i capelli scuri, come il cacao amaro appena setacciato; la pelle, leggermente pi chiara e addolcita dalla tenera et, come il cacao zuccherato; i denti come il pregiato avorio; le labbra morbide e lisce come olio d'arachide; gli occhi come giganteschi chicchi di caff, macinati dalla sofferenza e dalla disperazione.
I piedi erano scalzi, come la povert pi nuda.Uno scialle di lana, carico d'umidit, le ricopriva inutilmente le minute spalle.Il vento faceva aderire a quella corporatura esile una veste lunga e larga, bagnata e resa trasparente dall'acqua, lasciando intravedere o immaginare le prime dolci forme femminili.
La natura le aveva regalato un insolito e grosso neo, a forma di goccia, sotto l'occhio sinistro, quasi come previsione delle sue lacrime eterne, della sua sventura e del suo triste destino.

Midhina aveva un sogno e il suo sogno era la luna.E voleva la luna per chiederle la libert.
Era convinta che nelle notti di plenilunio, la luna piena si trasformasse in una sfera magica per esaudire i desideri degli uomini tristi e soli.In quelle notti, cio, dovevi lanciare un sassolino o un petalo di fiore proprio nel punto dove il volto della luna si rifletteva sullo specchio ondoso del mare.
Se vedevi un delfino guizzare dall'acqua e recuperare quel sassolino o quel petalo significava che la luna aveva ascoltato le tue richieste e voleva essere generosa con te.
Se, invece, il sassolino rimaneva nel fondo del mare o il petalo in superficie, dovevi aspettare un'altra luna piena.
Midhina aveva raccolto tutti i sassi della sua terra e aveva strappato i petali a tutti i fiori dei campi, per chiedere alla luna piena di trasformare il suo cuore prigioniero in cuore libero. Ma, ogni volta, nessun delfino veniva a raccogliere i suoi sogni. Forse in Africa i delfini non esistevano. Forse la luna non ascoltava i desideri dei bambini.
Le avevano fatto credere che in Italia era possibile chiedere in prestito la luna alla Notte e nasconderla, almeno per un giorno, finch la Notte non tornava a cercarla. Solo cos Midhina avrebbe potuto implorarla di ricordarsi di lei.
La luna, per, figlia della notte e quale madre non ama una figlia cos bella e se la lascia rapire?
E, poi, giusto che la libert sia un sogno? Non dovrebbe essere un diritto di tutti?

In quel tardo pomeriggio, che aveva gi dato il benvenuto alla sera, io ero schiava dei miei pensieri, dell'amore, dei ricordi, dei rimpianti. Ero schiava del cuore e della ragione, che mi tenevano chiusa in una torre di sofferenza, inquietudine e confusione. Ma ero libera. Libera di pensare, d'amare, di ricordare, di rimpiangere. Libera di usare il cuore o la ragione. Libera di uscire dalla torre o di rimanerci.
Midhina era solo libera di illudersi che qualcuno non si accorgesse di lei, quella sera. Era solo libera di sperare che qualcuno non la trovasse. Conosceva bene la sua sorte e quella degli altri fratelli africani: o essere rispediti in patria, come lettere rimandate al mittente, o vivere, per sempre, come clandestini.
In quell'attimo anch'io mi sentivo una clandestina: mi nascondevo dentro me stessa e non volevo farmi trovare dalla vergogna che mi perseguitava, per aver sprecato troppo tempo a piangere per piccole sofferenze, per continue lamentele e insoddisfazioni; per essere rimasta dentro quella torre che mi permetteva di vedere il resto del mondo solo attraverso le sbarre della superficialit.Fuori da quella torre c'erano persone che soffrivano pi di me.
Midhina era una di quelle persone ma...quella sera, qualcuno si accorse di lei, qualcuno la trov...

Midhina aveva un sogno e il suo sogno era la luna.
Un giorno, la luna si ricord di lei, per sbaglio o per piet, ma in cambio le chiese tutto ci che le era pi caro: Midhina ha venduto i suoi capelli come il cacao amaro, la sua pelle come il cacao zuccherato, i denti come il pregiato avorio, le labbra morbide e lisce come olio d'arachide, gli occhi come chicchi di caff.
Midhina ha venduto il suo corpo, il suo cuore e la sua anima e continua a venderli, in cambio della libert
Adesso pi schiava di prima. E' schiava degli uomini.

Quando la vidi, per caso, in quella caotica citt, in quello squallido quartiere di baby-prostitute, su quel maledetto marciapiede, pensai ad una terribile coincidenza della vita, ad un terribile scherzo del destino, ad una terribile somiglianza, ma quel grosso neo, a forma di lacrima, sotto l'occhio sinistro, trad ogni mia illusione.Quella era la disperazione di Midhina. Non potevo sbagliarmi...

Anche oggi un tardo pomeriggio di scirocco ed io sto aspettando che scenda la sera, per guardare in faccia la luna e rimproverarla di promettere sogni e verit per poi regalare solo delusioni e bugie.

Anch'io, come Midhina, ho raccolto tutti i sassi della mia terra, per lanciarli proprio nel punto dove il volto della luna si riflette nel mare, ma su quest'isola ci sono pochi fiori e non voglio strappare petali per false speranze.
Se potessi esprimere un desiderio, in questa promettente sera di luna piena, chiederei la libert di Midhina. A Lampedusa i delfini esistono.

"Siamo tutti clandestini
in una terra che non mai nostra.
Siamo tutti cuori clandestini
in cerca di una terra promessa.
Ma la terra promessa dov'?
La terra promessa solo dove c' libert.
E la libert solo dentro di noi:
dove niente o nessuno
pu permettersi di rubarcela".



Caterina Famularo


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Scritta in Via Mazzini a Bisuschio (Varese) in data 27 dicembre 1981 alle ore 01:20

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9977680
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.