La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 29, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 543 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Il vecchio

Il vecchio, seduto nel cortile,
su una panchina sporca.
Il vecchio che silenziosamente piange,
nascondendo le lacrime in un soffio di naso.
Il vecchio...
il vecchio, povera creatura
dallo sguardo spento,corpo rugoso
e ormai asciugato dal tempo.
Occhi grigi, opachi, immobili,
occhi che non vedono pi il presente,
ma ricordano solo il passato...
Giornate vuote, ore ed ore a fare niente!
Mani impolverate, che muove solo nelle tasche,
mani che lisciano l'orlo del cappotto consumato
mani che molto fecero, mani che tanti strinsero,
mani che una chitarra suonarono
in serenate appassionate e ormai dimenticate.
Quel vecchio, tanto amato!
E una voce lo raggiunge:
"nonno, che fai?", "nonno, stai bene?"
"nonno, vieni dentro che fa freddo!
Voci, solo voci per lui ... che lo cercano
per tenerlo sveglio... voci di circostanza,
ma voci di nipoti e figli, e figli di nipoti.
Solo voci... la sua famiglia.
E lui risponde: "son qui!"
ma non c'e'! Non e' in quel cortile:
lui e' altrove...
e' in quella chiesetta di montagna
col suo vestito bello (quello della domenica)
una primula occhiello e vicino a lui sua moglie.
Eppoi e' all'osteria coi compagni
di bevute a bicchieri semivuoti,
con le carte in mano per una partita
in cui non si vinceva nulla.
E ancora si vede con le sue galline
e le sue abitudini di sempre
il suo radersi al mattino,
il pane vecchio nel caffe' d'orzo,
il passeggiare in paese coi vecchi di allora,
il suo raccogliere more e gelsi.
Oggi non e' da nessuna parte,
oggi stranamente e' solo,
la'nel suo cortile,
sulla sua panchina,
con lo sguardo spento.
Non ha pi forze,
oggi...neanche per ricordare!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Poco dopo si qui come sai bene, fila d'anime lungo la cornice, chi pronto al balzo, chi quasi in catene.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9959959
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.