La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 3966 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Il mio amore..

Il mio amore era cristallo di rocca,
nelle sue sfaccettature giocavano
il sole e la luna

Il mio amore era grande,
il suo splendore illuminava
gli antichi confini dell'universo,
il suo calore scaldava i cuccioli
rannichiati nel fondo della terra

Il mio amore era potente,
perchè ogni giorno mutava
il freddo inverno in primavera,
al suo tocco si risvegliavano
i rami secchi espogli
facendone sprizzare gemme e fiori

Il mio amore era generoso
perchè portava la luce nel buio,
toglieva la tristezza dal cuore più arido
trasformandolo in tenero cerbiatto

e le margherite ricoprivano le colline
e gli uccelli sentendolo
si affacciavano dal nido spauriti,
spauriti di tanta felicità
e cantarono con lui

Perchè il mio amore era terribile
e spaventava i cuori pavidi
perchè voleva tutto e non da tregua,
si ergeva alto sulla città e sulle colline
ed il suo sguardo era così limpido
che tutte le cose impure fuggivano
a nascondersi nell'ombra
per non morire,
il suo sguardo era così adamantino
che il piu' piccolo frammento di cristallo
rifletteva luce di diamante;

il mio amore di giorno era così dorato
che lo si poteva vedere danzare con il sole
e con lui fugare le nubi
e la notte era così bianco
che cavalcando la luna
faceva danzare le fronde del bosco
con lenti flussi e riflussi di onde marine
cullando e rincuorando
i piccoli animali della note.

Amore tu eri questo
e molto di piu',
tu mi avevi fatto risorgere
dalla palude de i miei giorni
per una nuova adolescenza
vestito di una pelle senza cicatrici
sotto cui scorgeva giovane sangue
come un torrente nell'alveo del mio corpo,
mi avevi dato mani che accarezzavano
come una tiepida folata di primavera
che porta un lontano frinire di grilli
e dolce profumo di fiori,
sentore di terra nuova.

Qusto amore,
dolce e terribile,
ha scavato gallerie sul mio viso
perchè la felicità mi faceva piangere.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - L’infinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Il sonno. Riccardo De Pasquale
» Triste tramonto. Riccardo De Pasquale
» Amiamo in uno sguardo. Riccardo De Pasquale
» Destini
» Stefano Magnani - La Danza Cosmica
» Giovanna Filizzola-Mistero oscuro


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Io conto le ore tu i giorni insieme, contiamo i minuti in un gioco d'amore. Come un gatto selvatico io cammino solo mai invidiando gli altri, sempre pensando a te

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6396
» Autori registrati
3016
» Totali visite
8234382
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.