La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 11, 2016 | Da: francogobbo13
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 821 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
francogobbo13
poesie quasi tutte in dialetto veneto
Xe rivą

Na volta rivava casa tua el negossiante,
co na motoape el fea l’ambueante,

el te portava casa tuto queo chel ghea,
te compravi in lire e on poca de monea.

Co xe rivą i negreti che vendia tapei
anca a eori chel cossa te ghe dei.

I sercava lavoro sta pora xente straniera,
i rivava da distante, soto naltra bandiera,

scampando daea fame, guere e patimenti,
assando tuto, anca e regoe e documenti.

Qualcuno ga trovą da lavorare,
queo che nessuno qua pģ voea fare,

parchč i nostri fioi xe ‘ndai tuti a studiare
e no i voe pi far fadiga e gnanca suare,

ma co sti lavori sedentari che i se dedica
dopo ghe toca suare drio na riceta medica.

Sta xente se ga messo in comunicassion
parchč desso qua gavemo l’invasion,

i riva co i barconi traversando tere e mare,
sperando che qualcuno li possa jutare,

par qualcuno sta speransa no rivarą mai,
tanti more in mare negai o in barca sofegai.

E ora parchč no se fa on governo mondiae
e dividerse meio e risorse, nel ben e nel mae,

dove no ghe sia pi guere e distrussion,
vivare soto na unica bandiera, na unica nassion,

dove sarą garantio par tuti el necessario
e no ghe sia chi la fa bona e chi el calvario,

dove a ogn’uno paxe e serenitą ghe sia dato
magari so a so tera, lą dove chel xe nato.

Qualcuno me ga dito faxendome on soriso
“varda che qua no semo mia in paradiso”.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - L’infinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Scritta in Via Mazzini a Bisuschio (Varese) in data 11 febbraio 1974

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6543
» Autori registrati
3082
» Totali visite
9968339
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.