La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 08, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 636 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
A Tommaso

Padre,perch sperdesti
Te stesso e tua luce eterna
a corrusco di grembo e di materia
dove non leva seme,abbatte indifferenza
scintilla che non serve?
Eri stanco dimmoto tuo silenzio?
O ti colse un assurdo desiderio
di nere sensazioni a te negate
dissenno a silenziare esistenza
per altro da esistenza?
Non levi invano,Padre,
ansimante la fame di salvezza:
solo salvando noi,
trafitto frutto del tuo grembo,
potrai salvarti,Padre,rinnegando
in te linvito che disperde-
sia redenzione lurlo del tuo cielo
sia impervia ribellione di comete
e lanima,Padre,con tua anima
con lanima di tutti gli universi
si racchiuda nellultimo rigetto
perch sia nuovo grembo,nuovo cielo,
e nuova infine sia parola,Padre,
se non salvezza,se cos devessere.


19/09/00

(Testo inviato da Gabriella)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Stessa Merda,Altro giorno
» Felice Pagnani - Belva
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Goccia di Ghiaccio
» Ugo Perrotta - Supernova
» Celate in uno scrigno
» Davide Zocca- Stasera...
» Davide Zocca- Prevert
» Giovanna Filizzola-Miscugli di sentimenti


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
L'uccello bianco, stordito come me Giunse dall'Egitto Aveva attraversato mari e monti Sfidato mille pericoli Stanco atterr bruscamente sul mio soffitto Io ero solo in casa Aspettai un po' Credevo che si sarebbe ripreso Non potevo crederci Non facevo altro che pensare a quello stupido di un uccello Quando si riprese Il mio cuore impazziva dalla gioia L'uccello bianco che aveva attraversato mari e monti Sfidato mille pericoli Ora stava bene Io contento andai a letto Spensi la luce e rapidamente mi addormentai

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6639
Autori registrati
3151
Totali visite
12062422
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.