La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 04, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 865 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
LA SEDIA IMPAGLIATA

Su in soffitta l'ho ritrovata
la vecchia sedia di legno impagliata.
Stava lass, triste e in gramaglie
fra stracci, carte e vecchie ferraglie!
M'ha fatto una pena, lei, poverina
che un tempo in cucina era regina!
Vicina al camino, che era un incanto,
noi correvamo, per esserle accanto
mentre, alzandosi un poco la gonna,
su lei sedeva, leggera, la nonna.
E sul "ticchettare" dei gambi di legno,
un Re per la Fata, perdeva il suo regno!
O quando la fiaba parlava d'amore,
lei "ticchettava" con lento languore,
ma se il ritmo avea un'impennata,
la fata Gallura era certo arrabbiata!
Ma dopo arrivava il mago Medoro
che su tutto spargea la polvere d'oro
su vigna, frutteto, sugli orti, sui prati
e sui nostri visi dagli occhi incantati...
e mentre passava, fiabesca, la sera
la polvere d'oro facevasi nera,
e pesava, pesava su noi marmocchi,
tanto che, lenti, chiudevansi gli occhi.

Accanto al camino ho rimesso la sedia
ma ho visto che, sola, moriva d'inedia.
Mi sono accostato e ho acceso un po' l foco,
lei si riavuta, ma solo per poco.
Poi lenta mi chiede, con tocchi accorati
"La nonna e i bimbi dove sono andati?"
"La nonna salita nel cielo lontano...
e i bimbi siam noi, cresciuti man mano..."

La sedia rimane un po' sconcertata,
poi lenta scuote la testa impagliata:
"Toc, toc" sospira con l'aria afflitta
"Andiamo, ti prego, torniamo in soffitta!"


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Stessa Merda,Altro giorno
» Felice Pagnani - Belva
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Goccia di Ghiaccio
» Ugo Perrotta - Supernova
» Celate in uno scrigno
» Davide Zocca- Stasera...
» Giovanna Filizzola-Miscugli di sentimenti
» Francesco Esse - Solo


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Se guardo questo pettine sottile di tartaruga e d'oro, che affigura - opera egregia di cesellatura - un germoglio di vischio in novo stile,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6639
Autori registrati
3147
Totali visite
11918779
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.